«Un'altra opportunità persa a discapito della nostra Città, a discapito del Quartiere Nicolosi, a discapito delle 2354 persone che ci hanno sostenuto e dei cittadini tutti - sostiene Pamela Cartolano, Tesoriere del Comitato Nicolosi - Dopo tutti i solleciti fatti per mail, di richiesta informazioni in merito alla presentazione di un progetto avente ad oggetto riqualificazione del quartiere Nicolosi da presentare al bando "I luoghi del cuore Fai - X Censimento 2020" ed alle richieste d'incontro in presenza, dallo scorso Marzo ad oggi, tutta l'Amministrazione e la segreteria del Sindaco sono rimasti latitanti, e senza risposte. Fino alla nostra richiesta di accesso agli atti, dove cercavamo una delibera di Giunta e tutta la documentazione necessaria, ivi compreso il quadro economico e cronoprogramma invano».
Qualche giorno fa, dal Servizio Decoro, Manutenzione, Qualità urbana e Bellezza Beni Comuni del Comune di Latina è arrivata la risposta, ormai a bando scaduto dal 15 giugno scorso: «Lo scrivente Servizio non è stato interessato dalla partecipazione al bando Fai e non detiene atti in merito».

La reazione del Comitato Nicolosi è di grande stupore, e anche di indignazione: «Sindaco, dopo tutto l'interesse dimostrato, la partecipazione a video call, alla conferenza stampa in Piazzetta di Via Corridoni, lo scorso 11 marzo, che fine ha fatto? Come fa, ad avere la faccia tosta di promettere pubblicamente ai cittadini l'interesse verso il quartiere, e poi le forniamo i mezzi e ritiene di non essere interessato?»

Uno schiaffo al sacrificio e all'impegno del gruppo di residenti del quartiere che ha cercato per mesi di riuscire ad essere inserito nei progetti da finanziare da parte del Fai per poter intervenire in modo sostanziale per restituire al Nicolosi l'aspetto che gli compete, che è quello di un complesso edilizio di grande valore architettonico oltre storico, per essere stato il primo quartiere popolare di Littoria. Uno schiaffo alla partecipazione degli oltre 2300 cittadini che hanno sottoscritto con le loro firme l'iniziativa del Comitato che si è adoperato per il miglioramento dell'aspetto e delle condizioni di vita all'interno del Nicolosi.

«Il nostro lavoro, il nostro sacrificio e l'impegno di tutto il Comitato di Quartiere Nicolosi - insiste Pamela Cartolano - ed il sostegno delle 2354 persone: come ha potuto, signor sindaco, ignorare tutto questo e non dare il suo sostegno al nostro sforzo? Almeno poteva essere chiaro fin dall'inizio e dirci che l'amministrazione non sarebbe stata con noi».

E così, con questa chance buttata alle ortiche, si perde un'altra possibilità per i cittadini di provare a far qualcosa di buono per la città, ma soprattutto si dà un pessimo segnale alla voglia di partecipazione dei cittadini. «Questa Amministrazione sembra non avere rispetto né lungimiranza - conclude il Tesoriere del Comitato Nicolosi - Rimane chiusa nel palazzo con l'arroganza che l'ha contraddistinta fin dall'inizio del mandato di rappresentanza».

Per il Comune di Latina sta diventando un'abitudine: si perdono progetti, soldi, speranze, opportunità, (come il progetto presentato dal sindaco Coletta nell'area verde dove era previsto il Patto di Collaborazione mai portato avanti), e anche la possibilità di vedere la città inserita nei programmi di associazioni come il Fondo per l'Ambiente Italiano. Tra incapacità e disinteresse, la scelta è una scommessa.

«Giorni sacrificati per il bene della Città, per amore del nostro quartiere, attraverso gazebo dal mese di giugno al mese di dicembre 2020, per la raccolta firme, punti di raccolta, difficoltà legate alla situazione Covid 19… tutto lavoro perso e non onorato! Grazie Sindaco. Per noi del Comitato era doveroso far sapere alle 2354 persone che hanno creduto in noi che ci abbiamo messo la faccia, che il mancato seguito di tutto quel lavoro, non è dipeso da noi, Ma da lei».