Il manifesto della campagna elettorale che recita "Il cambiamento non si ferma" e sotto i cumuli di rifiuti ai piedi di un cassonetto. Diciamo che non è stata nemmeno fortunata Latina Bene Comune, nel lanciare la campagna con in manifesti 6x3 proprio in questo periodo di emergenza sul piano della raccolta per i noti problemi legati alla chiusura dell'impianto di Rida Ambiente.

Eppure, dopo una settimana dalla soluzione trovata dalla Regione Lazio, a Latina come in altre città della provincia che ancora non adottano la raccolta porta a porta, i cassonetti sono tristemente pieni di rifiuti e, complice il caldo di questi giorni, il tanfo che emanano inizia ad essere insopportabile.

In tutto questo si inserisce la campagna politica di Damiano Coletta e Lbc, con lo slogan "Il cambiamento non si ferma". Inevitabili le ironie sui social con i cassonetti stracolmi davanti al manifesto oppure in altri casi, con l'erba incolta che in parte copre il manifesto "del cambiamento". Diciamo pure che a Latina, tra rifiuti e decoro urbano, non è che sia cambiato molto in  questi anni.