Il Comune di Aprilia centra un altro importante e ambizioso obiettivo e porta a casa oltre un milione di euro dei fondi messi a disposizione dal Ministero dell'istruzione per realizzare nuove scuole o riqualificare edifici scolastici dismessi. In particolare gli uffici dell'assessorato ai lavori pubblici riescono a ottenere il finanziamento chiesto attraverso la candidatura al bando che metteva a disposizione delle regioni a favore degli enti locali 700 milioni di euro da utilizzare per la riconversione, la riqualificazione e la costruzione di edifici per asili nido, scuole dell'infanzia e centri polifunzionali per i servizi alla famiglia, per trasformare la vecchia scuola di via Carano-Spaccasassi in un moderno centro polifunzionale per gli interventi integrati per l'infanzia, uno spazio che sicuramente manca in città e in particolar modo nelle aree periferiche come appunto via Carano. Per eseguire l'intervento, l'amministrazione avrà a disposizione 1 milione 504 mila euro, soldi che serviranno non solo per riqualificare l'edificio, dismesso da anno e per un lungo periodo occupato, ma anche per dotarlo dei servizi necessari alle esigenze dei minori che saranno i principali fruitori della struttura. Il Centro diurno polifunzionale è un servizio articolato in spazi multivalenti, che si colloca nella rete dei servizi sociali territoriali. Offre possibilità di aggregazione finalizzata alla prevenzione di situazioni di disagio attraverso proposte di socializzazione tra minori e di identificazione con figure adulte significative. Offre sostegno e supporto anche all'intero nucleo famigliare avvalendosi del personale specializzato. Un servizio trasversale, che abbraccia non esclusivamente l'ambito scolastico ma anche quello dei servizi sociali e che potrà trovare concretezza. Un ottimo risultato per il Comune di Aprilia, che oltre ad aver ottenuto il finanziamento del progetto ubicato in via Carano, potrebbe ottenere anche il finanziamento dell'altro piano che aveva partecipato al bando, per ora inserito solo nella graduatoria provvisoria: nel caso in cui l'esito fosse positivo, l'ente avrebbe a disposizione 2 milioni 973 mila euro per realizzare una nuova scuola materna in via Istria, in sostituzione dell'asilo di via Leonardo Da Vinci che trova posta in un edificio privato per il quale ogni anno viene corrisposto un canone di locazione di 20 mila euro. «Un ottimo risultato - sottolinea l'assessore ai Lavori Pubblici Luana Caporaso – ancora una volta siamo riusciti ad andare a segno ottenendo un finanziamento che ci permetterà di riqualificare dei locali totalmente in disuso e in questo momento anche occupato. Abbiamo effettuato dei sopralluoghi sul posto e deciso di concerto con l'assessorato ai servizi sociali come trasformare la struttura. Letto il bando, abbiamo deciso di realizzare un centro per l'infanzia, perché c'era la possibilità di riconvertire vecchie scuole. Ci siamo attivati in questo senso e siamo riusciti a centrare l'obiettivo».