Boom di ricerche di case in affitto lungo le coste italiane, soprattutto quelle bagnate dal Mar Tirreno, dove il Lazio fa da padrone. È questa la fotografia scattata dal sito Casa.it, che ha esaminato le ricerche effettuate a maggio 2021 rispetto allo stesso periodo del 2019 - anno precedente alla pandemia - evidenziando un aumento dell'interesse per appartamenti e ville a ridosso del mare pari al 20%.

La classifica regionale
Terzo posto, tra le località più ricercate nel Lazio, per il capoluogo pontino. Uno stacco importante dalle coste limitrofe, come quelle di Sabaudia, San Felice Circeo o Sperlonga, famose per essere tra le più quotate, anche se il motivo della loro assenza dalla classifica potrebbe essere dovuto a diversi canali attraverso cui si affitano case.
Sta di fatto che, tra tutti gli utenti che hanno fatto ricerche sul sito Casa.it per cercare un appartamento o una villa in affitto al mare, le città più cliccate sono state, in ordine, Roma, Fiumicino, Latina, Anzio e Nettuno.

Il Mar Tirreno è il più cercato
La zona di mare che ha avuto più ricerche nel 2021 è quella del Mar Tirreno, al secondo posto il Mar Ligure, al terzo il Mare Adriatico, al quarto il Mar Ionio, al quinto il Canale di Sicilia, al sesto il Canale di Sardegna e al settimo il Mar di Sardegna. Ma ad avere la crescita di ricerche maggiore è stato il Mar Ionio che cresce del +58% rispetto al 2019, a seguire il Canale di Sicilia con +43%, poi il Canale di Sardegna con +39%, il Mar Ligure con +24%, il Mare Adriatico con +20%, il Mar Tirreno con+14% e il Mar di Sardegna con +2%.

Aumentano i canoni in provincia
All'aumentare della domanda - con un'offerta pressoché invariata, visto che non sono state realizzate altre abitazioni - non poteva corrispondere che un'aumento dei canoni di affitto. La provincia di Latina - come sottolineato da Idealista.it - è una di quelle in cui è stato registrato il maggiore aumento, pari al 27,3% rispetto al 2020.

In vacanza, ma lavorando
L'aumento maggiore è stato riscontrato nelle ville nelle località di mare, per l'appunto, dove si è sviluppato il fenomeno denominato "holiday working", ossia lavoro in vacanza. Infatti, sembra che a determinare questo grande aumento non sia soltanto la possibilità di godere della spiaggia a pochi metri dalla propria abitazione, ma soprattutto il fatto che il litorale pontino sia stato in grado di intercettare l'interesse di parecchi smart worker romani, impegnati nelle proprie attività anche nei mesi più caldi dell'anno.
Ad accendere i riflettori sulla tendenza è TecnoCasa.it, che giò da gennaio ha iniziato a registrare richieste di affitti di casa vacanze per luglio e agosto tra Terracina, San Felice, Sabaudia, Latina, Nettuno e Scauri. Dai dati rilevati, si registra anche un aumento di ricerche di affitti per periodi più lunghi dei "soliti" 15 giorni, a volte della durata di mesi, ossia da maggio a settembre, proprio per lavorare in remoto e godersi l'intera calda stagione, con la spiaggia a due passi da casa.
Le ricerche riguardano però quei litorali ben collegati alla città, così da poter rientrare in modo agevole presso la sede di lavoro (Roma in questo caso) se necessario.