L'aut aut della clinica Città di Aprilia per ottenere il pagamento di 3 oltre milioni di euro dalla Regione e la pressione esercitata dal Comune per evitare la chiusura del pronto soccorso sembrano aver sbloccato l'emergenza della casa di cura. A spiegarlo è il sindaco Antonio Terra, che ieri mattina ha ricevuto rassicurazioni rispetto ai pagamenti verso la clinica dalla segreteria dell'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato che sabato mattina era stato contattato proprio dal primo cittadino. «La segreteria dell'assessore D'Amato ci ha comunicato - spiega Terra - che oggi  è stato disposto tramite l'Asl di Latina parte del pagamento del credito maturato dalla clinica di Aprilia. Ci auguriamo dunque che l'emergenza possa rientrare in tempi brevi». Il pagamento di una tranche delle fatture insolute per i servizi resi tra il 2020 e il 2021 (che ammontano complessivamente a 3,3 milioni di euro) dovrebbero dunque sbloccare anche la situazione dei lavoratori, che proprio oggi in assemblea hanno proclamato lo stato di agitazione.