In aula ieri mattina in Tribunale si è svolta la prima udienza civile che è durata oltre tre ore per il caso del centro commerciale Morbella. All'esterno, all'ingresso del Tribunale, c'era un drappello di consorziati. Nell'udienza è stato discusso il ricorso davanti al giudice Maika Marini. E' stata affrontata l'istanza cautelare promossa da alcuni consorziati per chiedere la destituzione del presidente e dell'intero consiglio di amministrazione del Consorzio Operatori Morbella. Il motivo: una serie di gravi inadempimenti riconducibili alla gestione, evidenziati dai ricorrenti rappresentati dall'avvocato Mastrobattista e da altre parti intervenute a sostegno, assistite dagli avvocati De Cupis, Fratini e Fusco. Il Cda e Salvatore Centola erano invece rappresentati dagli avvocati Cellini, Cozzolino e Gottaldi che hanno chiesto il rigetto del ricorso puntando sull'inammissibilità.
I toni in aula sono stati in alcuni momenti molto aspri. Sono state sollevate delle eccezioni, anche queste materia per il magistrato che si pronuncerà prossimamente e non è da escludere che i tempi della decisione siano più veloci del previsto.