Il Comune di Aprilia si fa avanti in maniera ufficiale per acquistare il teatro Europa. Dopo mesi di silenzio nei quali la trattativa è andata avanti a "fari spenti", l'amministrazione comunale svela adesso il piano per rilevare la struttura di corso Giovanni XXIII, simbolo della vita culturale della città.
L'operazione prevede due step: prima la vendita di Capanna Murata, l'ostello ristrutturato con i finanziamenti del Giubileo del 2000 ma mai entrato in funzione; poi con il ricavato si potrà procedere all'acquisto del teatro di Aprilia. A prospettare questa ipotesi era stato nei mesi scorsi il sindaco Antonio Terra, annunciando l'affidamento all'Agenzia delle Entrate di una perizia per valutare l'ostello di Campoverde. E la risposta con la stima del fabbricato è arrivata nei giorni scorsi sul tavolo dell'assessorato alle Finanze. «Possiamo dire che la perizia dell'Agenzia delle Entrate per l'ostello è al di sopra delle nostre aspettative e previsioni. Il prossimo passo - spiega il vice sindaco e assessore alle Finanze, Lanfranco Principi - sarà mettere a bando l'immobile con la valutazione che ci è pervenuta dall'Agenzia. In questo modo in un secondo tempo si potrà acquistare il teatro, anche perché allo stato attuale il Comune non dispone della capacità economica per rilevarlo».
La perizia dell'Agenzia delle Entrate stima il valore di Capanna Murata in una cifra che si aggira tra 1 milione e 1,2 milioni di euro; un "tesoretto" che potrebbe essere tranquillamente utilizzato per acquistare il teatro di corso Giovanni XXIII, che nel 2019 è stato rilevato all'asta dalla Capodimonte srl. Dai colloqui informali tra la giunta e gli emissari della proprietà il costo dell'operazione dovrebbe essere ben inferiore alla somma che il Comune incasserà vendendo l'ostello, tutto però dipenderà dalla volontà dei consiglieri comunali.
Per questo giovedì 28 aprile è stata convocata una commissione congiunta Finanze e Patrimoni che dovrà discutere dell'alienazione di Capanna Murata e dell'acquisizione a patrimonio comunale del teatro, la giunta Terra intende acquisire un parere preventivo dalla maggioranza prima di poter avviare gli atti conseguenti, che dovranno comunque essere approvati dal Consiglio. Tutto però lascia pensare che l'indirizzo della commissione sarà positivo, anche perché già in passato l'amministrazione aveva pensato di comprare l'Europa. «Per l'eventuale vendita di Capanna Murata bisognerà passare - spiega il sindaco Terra - attraverso un voto del Consiglio, anche perché il piano delle alienazioni dei beni viene approvato dall'assise ogni anno. E' chiaro che, in caso di voto favorevole, bisognerà essere rapidi nell'istruire la gara perché in parallelo dovrà essere condotta una trattativa per l'acquisto del teatro».