L'intervento critico del Wwf sul progetto di fattibilità tecnica ed economica commissionato dal Comune di Latina per il completamento delle opere di protezione della costa da Foceverde a Capoportiere ha sortito i primi effetti.

Intanto quello di accendere i riflettori su una iniziativa che il Comune di Latina sta portando avanti in silenzio (cosa insolita per un'amministrazione avvezza a propagandare anche gli interventi ordinari), e poi di sollecitare l'attenzione dell'amministrazione provinciale, che proprio ieri, in sede di Commissione sviluppo e tutela del territorio, ha discusso un documento di indirizzo che impegna l'ente di via Costa a promuovere l'istituzione di una cabina di regia con tutti i comuni costieri pontini per contrastare e affrontare il fenomeno dell'erosione.
«L'obiettivo è quello di avviare un'attività di programmazione che possa avere effetto nel medio e lungo periodo attraverso progetti e interventi di protezione stabili, duraturi e non impattanti della nostra costa» ha spiegato il presidente della Commissione provinciale Annalisa Muzio.

Niente di dirompente, nessun cenno di critica per il progetto del Comune di Latina, benché muoversi per attivare «nuove forme di collaborazione e condivisione sulle problematiche inerenti il fenomeno dell'erosione delle coste dei Comuni pontini» come ha aggiunto la Muzio, è comunque un invito indiretto a valutare eventuali effetti «indesiderati» sulle coste di pertinenza di altre amministrazioni.

Né si può pretendere da un «socio di maggioranza» del Comune di Latina quale è la formazione politica di Annalisa Muzio un atteggiamento netto e tranciante come quello mostrato dagli ambientalisti del Wwf scortati da un parere autorevole come quello del geologo Nello Ialongo.

Arrivare al traguardo di una sorta di osservatorio del mare risultante dal coordinamento delle attività di tutela e valorizzazione delle coste di ciascun comune rivierasco sarebbe già un risultato importante, presupposto per il «raggiungimento di politiche unitarie e coordinate rispetto al tema della difesa e della promozione delle coste».

Sarà interessante capire se il Comune di Latina vorrà prestare orecchio alle sollecitazioni che si muovono da più parti, oppure se la strada imboccata con il progetto dei pennelli rocciosi da Foce Verde a Capoportiere sostenuta dal capoluogo e praticamente pronta per entrare nella fase della conferenza dei servizi sarà ostinatamente seguita in modo unilaterale o meno.