Un patto per lo sviluppo sostenibile dell'economia del mare e del Mediterraneo. Torna il Med Blue Economy, tradizionale appuntamento legato all'internazionalizzazione e all'economia del mare che, dopo l'interruzione forzata, a causa della pandemia, si rinnova con un primo cambiamento nei luoghi di svolgimento della kermesse.

Il Med approda a Formia, con una serie di eventi in programma dal 27 agosto al 4 settembre nella suggestiva cornice della pineta di Vindicio e con il coinvolgimento dell'area archeologica e del porticciolo di Caposele. 

Luoghi incantevoli che faranno da cornice a nove giornate particolarmente intense durante le quali si alterneranno manifestazioni, incontri, convegni, ma anche presentazioni di libri, eventi sportivi, défilé di moda, concerti, sfilate di barche, rappresentazioni teatrali e suggestivi spettacoli. Tutto incentrato, naturalmente, sul tema della Blue Economy, ma anche con uno sguardo importante sulla moda, sull'internazionalizzazione delle imprese, sull'interscambio socio-culturale e sull'economia green.

Un evento organizzato dal Consorzio Industriale del Lazio e Comune di Formia in collaborazione con Regione Lazio, Roma Capitale, C.I.S.E. (Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico), "Informare", Camera di Commercio Frosinone-Latina, Arsial, XVII Comunità Montana, Parco Regionale dei Monti Aurunci, Ente del Microcredito, Fic Canottaggio, Flag Mar Tirreno Pontino e Isole Ponziane.

Questa mattina la conferenza stampa presso il Comune di Formia con il presidente del Consorzio Industriale del Lazio, Francesco De Angelis, il vicepresidente e delegato al Med Salvatore Forte e naturalmente il sindaco Gianluca Taddeo.

Suggestiva la presenza di un attore vestito da Cicerone, nato ad Arpino e che decise di stabilirsi negli ultimi anni della sua vita a Formia. Un legame intenso quello di Formia con Roma, con ricostruzioni storiche e teatrali che accompagneranno molte giornate del Med.

Sarà inoltre particolarmente significativa la partecipazione dei Paesi che gravitano nell'area del bacino Mediterraneo, con l'intervento di rappresentanti istituzionali di Tunisia, Egitto, Malta, Libia e Marocco. 

Prima ed importante novità di quest'anno riguarda la cerimonia di apertura ufficiale del Med, fissata per il 26 agosto al Porto Romano di Ostia. Un modo per "esportare" il Med in altre località marine della regione, coinvolgendo così la città di Roma.

Il giorno successivo, il 27 agosto alle 18.30, serata inaugurale a Formia con la possibilità, per chi lo desidera, di arrivare nella location con una minicrociera con imbarco al molo Vespucci e l'arrivo direttamente al porticciolo di Caposele.

Il programma prevede una serie di convegni particolarmente interessanti e che vedranno arrivare a Formia personalità di spessore. Tra le novità del Med anche uno spazio occupato nel Metaverso.

Gli appuntamenti si terranno presso Villa Giustina (già Villa Laura) e saranno incentrati sulla cultura del mare. Spazio allora alle Ville romane sul litorale formiano, alla microfinanza con l'economia blue, ai Flag in Italia.

E ancora, un summit outdoor experience sull'economia del mare sostenibile, un seminario sull'internazionalizzazione delle imprese e uno sul food; la presentazione del libro "Parole in libertà"; un incontro per conoscere da vicino l'ITS Fondazione G. Caboto e uno sull'offerta crocieristica nel golfo, a cura di Franco Spinosa. Si parlerà inoltre di economia del mare e legalità, di confini dell'Europa e infine la novità di uno spazio nel metaverso a cura dell'Università La Sapienza di Roma. Per l'occasione verrà presentato un progetto di impianto tecnologico a idrogeno.

Gli eventi strettamente culturali e conviviali spazieranno invece dalla musica al teatro, dai suggestivi spettacoli delle fontane danzanti, ogni sera in tre momenti diversi, all'osservazione delle stelle; dalle sfilate ai tornei sportivi.

Si preannuncia divertente lo spettacolo di Martufello, in programma il 1 settembre, mentre è particolarmente atteso il concerto di Ron sabato 3 settembre.

I siti saranno facilmente raggiungibili attraverso un servizio di trasporto con bus, trenini e barche completamente gratuito. Così come gratuiti saranno tutti gli eventi in programma.

«Il mare è una risorsa incredibile che noi tutti abbiamo il dovere di preservare ed utilizzare in maniera sostenibile per lo sviluppo dei nostri territori – ha sottolineato il presidente del Consorzio Industriale del Lazio Francesco De Angelis - Occorrono innovazione, competitività, sostenibilità. Caratteristiche essenziali affinché questa ricchezza sia impiegata nel migliore dei modi. Rilanciare i porti e l'economia del mare è una sfida che il Consorzio Industriale del Lazio vuole portare avanti, consapevole di quanto la blue economy sia strategica e in grado di contribuire in maniera considerevole alla ripresa economica dell'intera regione. In quest'ottica il Med Blue Economy diventa una straordinaria vetrina per le nostre imprese, con effetti positivi a catena ed enormi potenzialità di sviluppo sull'intero territorio. Il nostro obiettivo è quello di dare nuovo impulso funzionale al sistema portuale laziale ed alle imprese legate all'economia del mare».

Dello stesso avviso Salvatore Forte, vicepresidente del Consorzio Industriale del Lazio e referente del progetto, oltre ad esserne l'organizzatore da anni: «Quella del Med Blue Economy è un'occasione unica per l'imprenditoria del territorio e nazionale. Un'opportunità per mettere in campo sinergie ed azioni di sistema volte a valorizzare le singole vocazioni ed in grado di costituire un vero trampolino di lancio per una nuova ripresa e resilienza della nostra economia post-covid, lanciando, oltretutto, al mondo un sincero messaggio di pace e di collaborazione. Il mare può davvero rappresentare un ponte che unisce tutti i Paesi che hanno la fortuna di affacciarvisi».

Padrone di casa sarà il sindaco di Formia, Gianluca Taddeo. «Sono felice di presentare il Med Blue Economy, il festival legato all'internazionalizzazione ed all'economia del mare, che sarà, non soltanto per Formia, per la prima volta in qualità di città ospitante, ma per l'intero territorio nazionale, un'ottima opportunità di sviluppo ma anche un momento di riflessione sulla salvaguardia del mare e del pianeta che ci circondano.

Il ricco programma di eventi, che si svolgeranno nell'arco di nove giorni, coinvolge istituzioni, realtà del terzo settore ed imprese, con le quali si cercherà di individuare soluzioni dirette a promuovere i valori dell'ambiente e della sostenibilità e quindi del nostro benessere, con l'obiettivo di valorizzare la Blue economy, settore trainante dell'economia italiana e strumento di rilancio socio-economico del Mediterraneo».

Nove giorni di grande visibilità per l'intero territorio. Nove giorni di arricchimento culturale e di vetrina sul Mediterraneo, il mare che unisce diversi popoli.