Il Codacons ha depositato un intervento al Tar di Latina contro "i vip che hanno casa a Sabaudia, chiedendo ai giudici di confermare l'ordinanza sindacale del Comune di Sabaudia n. 21 del 30.08.2022 che, al fine di garantire il diritto della collettività ad accedere liberamente alla spiaggia, ha imposto il rispetto delle servitù di passaggio ordinando l'apertura dei varchi sul litorale tra cui anche quelle relative alle proprietà di alcuni personaggi famosi".

Come si legge nella nota, "nello specifico nel suo intervento a sostegno del comune di Sabaudia, il Codacons ha chiesto al Tar di rigettare le richieste dei ricorrenti, garantendo il diritto di fruibilità delle spiagge e il diritto di accesso anche con interventi correttivi e sanzionatori nel caso di inosservanza dei limiti già disposti dalla normativa nazionale, regionale e comunale".

"Spiagge e lidi – scrive il Codacons nell'intervento al Tar di Latina - fanno parte del cosiddetto demanio marittimo dello Stato e dunque sono beni di proprietà dello Stato, inalienabili, inespropriabili e destinati a servire i bisogni della collettività. Lo Stato può affidare le spiagge in concessione ai privati, ma i poteri dei concessionari si scontrano con il limite invalicabile della libera fruizione della battigia da parte dei cittadini. Riguardo quest'area della spiaggia, la legge prevede che l'accesso alla battigia sia sempre libero e gratuito, anche al fine di balneazione".