Partono a Giulianello i lavori per la riduzione del rischio idrogeologico in piazza della Fontanaccia e sul versante del fosso dei Pischeri. In questi giorni infatti sulla strada che attraversa il centro urbano della frazione del Comune di Cori è partito l'intervento, per questo nella strada interessata (via Cori intersezione con via Piscari) con un'ordinanza della polizia Municipale è stato istituito il senso unico alternato, con il posizionamento di un semaforo ad hoc. La modifica della viabilità è programmata fino al 25 novembre, inoltre se necessario sarà prevista anche l'organizzazione del cantiere in orario notturno, in considerazione del fatto che si parla di un tratto comunale attraversato da un intenso traffico anche pesante.
Il progetto che ha visto anche il parere favorevole della società Acqualatina, frutto del lavoro degli assessorati ai Lavori Pubblici e al Bilancio, include la regimentazione delle acque piovane, che tendono a raccogliersi in un'area adiacente piazza della Fontanaccia, spesso oggetto di allagamenti soprattutto in occasione di piogge abbondanti. Per questo motivo verranno collocati 8 nuovi e più ampi tombini in cui le acque possano defluire, implementati con una vasca d'accumulo per raccogliere le acque stesse poi portate a scaricare nel fosso dei Piscari attraverso una condotta della rete fognaria, che sarà in parte sostituita. L'intervento consentirà un deflusso dell'acqua più tranquillo, senza che si determinino più danni o disagi per i cittadini rendendo l'area più sicura e non più soggetta ad allagamenti in caso di forti precipitazioni come avvenuto in passato, talvolta causando anche criticità sul fronte stradale con danneggiamenti dell'asfalto. Diventa dunque realtà un intervento atteso da tempo, reso possibile grazie a un finanziamento del ministero degli Interni pari a 610 mila euro. «Ancora un volta - affermano - il sindaco Mauro De Lillis e l'assessore ai Lavori Pubblici Ennio Afilani – diamo seguito a quanto annunciato, ovviamente con i tempi previsti dalla normativa che rendono indispensabile un po' di pazienza: una volta arrivati i finanziamenti, si è proceduto con gli step dovuti (progetto preliminare, quindi quelli definitivo ed esecutivo) per arrivare quanto prima all'inizio dei lavori. Ciò dimostra la nostra costante attenzione al contrasto al dissesto idrogeologico. Siamo consapevoli che altri interventi sono necessari e il nostro impegno non si ferma, come non si è mai fermato. Il lavoro prosegue e altri lavori arriveranno, basterà avere pazienza e altre criticità saranno risolte».