La Uiltucs Latina in nome e per conto dei lavoratori che rappresenta della Coop Karibu e del Consorzio Aid apprende «con indignazione le notizie politici sul libro paga in forza alla Karibù, ai quali probabilmente come i soci e il consiglio di amministrazione, hanno percepito stipendi, cosa non accaduta per i lavoratori». Il segretario provinciale della Uiltucs Gianfranco Cartisano torna sulla vicenda Karibu Aid e lo fa denunciando il fatto che esponenti politici abbiano lavorato presso le cooperative della famiglia dell'attuale deputato Aboubakar Soumahoro.

Cartisano fa riferimento, molto probabilmente, al caso Roccagorga, denunciato negli anni scorsi anche dal capogruppo regionale della Lega Angelo Tripodi. I due si riferiscono al consigliere comunale, poi nominato assessore delegato proprio alle politiche sociali Tommaso Ciarmatore che era contemporaneamente dipendente di Karibu. Insomma, controllore e controllato, dal momento che il Comune di Roccagorga era uno di quelli che dava maggiori risorse alla Karibu per l'accoglienza dei migranti. Ciarmatore s'è sempre difeso sostenendo di non aver mai lavorato a Roccagorga ma in altre sedi per la Karibu.

«E' veramente piena di lati oscuri questa vicenda - prosegue Cartisano - Ad oggi il prezzo più alto lo stanno pagando solo i lavoratori». Poi esprime indignazione per le affermazioni di Soumahoro che, riferito alle foto social della moglie, Liliane Murekatete, ha parlato di "diritto umano alla moda e all'eleganza". «Ricordiamo come Uiltucs Latina che tali situazioni ed affermazioni come una delle tante "diritto alla moda" rimangono delle offese gravi a queste famiglie Pontine che stanno constatando che tutti hanno percepito risorse economiche meno loro, i lavoratori. Loro che hanno fatto la vera accoglienza ed integrazione con sacrificio e lavoro sono senza salari. E' urgente chiarezza e anche il Prefetto deve cambiare passo, convocare le parti, i soggetti che hanno attivato i progetti. Serve con urgenza una risposta ai problemi sociali che sono stati creati dalla gestione trgata Karibu e consorzio Aid», conclude Gianfranco Cartisano.