Mentre in tutta Italia gli enti pubblici fanno i conto coi ritardi nell'attuazione dei progetti del Pnrr, a Latina c'è chi è nel pieno rispetto della tabella di marcia e punta a rispettare puntualmente le scadenze, consegnando i lavori entro il 30 marzo 2023. Si tratta dell'Ater di Latina guidata dal presidente Marco Fioravante che ieri ha fatto il punto della situazione dei progetti in campo, concentrandosi in particolare sugli interventi di efficientamento energetico e di sistemazione antisismica riguardando 230 alloggi, per un importo complessivo di 19 milioni e mezzo di euro. A buon punto anche i Pinqua complessi come Nicolosi e Vele che sono gestiti sempre da Ater.

Il segreto del successo dell'Ater lo spiega il presidente Fioravante: «Semplicemente dobbiamo ringraziare l'impegno e l'abnegazione dei nostri dipendenti che hanno realizzato i progetti attuativi senza costringere l'ente a rivolgersi a professionisti esterni. Un grazie doveroso da parte mia anche al Cda e al direttore generale Paolo Ciampi». Svolgere tutto internamente ha insomma accelerato i tempi e i fatti stanno a dimostrarlo. L'Ater di Latina è il primo ente nel Lazio ad aver già raggiunto un livello avanzato dell'iter. I relativi bandi sono infatti già stati pubblicati sulla piattaforma regionale e si conta di aprire i cantieri entro febbraio.

Fioravante ha fatto ieri il punto con la stampa insieme a Patrizia Beraldi e Riccardo Roco, componenti del Consiglio di amministrazione. Gli interventi per i 230 alloggi sono ubicati a Gaeta (oltre 5 milioni di euro), Latina, Sezze, Aprilia, Cisterna, Terracina, Sabaudia, Minturno e Castelforte. «Si tratta di interventi piccoli ma molto importanti - ha spiegato Fioravante - In particolare sono molto sentiti da chi ci abita, perché indispensabili a migliorare la qualità della vita». Oltre a questi interventi, arrivano buone notizie anche per quelli più importanti economicamente come quello delle "Vele", con la demolizione e riqualificazione dell'ex Icos (per 18 milioni di euro) e quello del Nicolosi (per 15 milioni). «Siamo a buon punto. Qui la scadenza è più lunga ma stiamo procedendo molto bene e siamo soddisfatti». L'Ater ha programmato anche interventi da finanziare col superbonus edilizio, tra cui uno per le Vele per circa 60 milioni. Ma qui è in attesa dell'esito. «Abbiamo poi in cantiere un altro da 4,5 milioni che riguarda la demolizione e ricostruzione in via Virgilio, a Latina, per cui il progetto è stato già redatto», ha aggiunto Fioravante. «Certo questi progetti non risolvono tutti i problemi che abbiamo - prosegue il presidente - Se pensiamo che con 19 milioni sistemiamo 230 alloggi su circa 7 mila di nostra competenza, è evidente quanto ancora c'è da fare. Ma è un passo importante che dà risposte ai nostri inquilini».