Domenica 18 dicembre sarà il giorno del grande debutto del nuovo teatro D'Annunzio restituito alla città dopo sei anni di lavori e dopo l'ottenimento della sospirata agibilità antincendio: un concerto con la musica della Ensamble Symphonic Orchestra – "Alla scoperta di Morricone" per i 90 anni della città è l'evento pensato dalla squadra commissariale dell'amministrazione che sarà aperto alla città su prenotazione da effettuarsi sul sito del Comune con la doppia formula di una parte di posti aperti e gli altri dedicati alle autorità. Sarà una ‘prima' importante che romperà finalmente l'attesa di cittadini, associazioni, compagnie teatrali e che non resterà isolato perché seguito da un cartellone di prosa con almeno 5/6 serate (prosa, danza, musica, intrattenimento) e la ripartenza della stagione Teatro ragazzi. Ad occuparsi della rassegna sarà l''Atcl si occuperà oltre che alla direzione artistica e tecnica della manifestazione del coordinamento della comunicazione mentre l'amministrazione metterà a disposizione Il Teatro G. D'Annunzio e tutti i servizi annessi, foyer, servizi e utenze comunali, promozione e pubblicità attraverso i canali istituzionali. La stagione teatrale e le manifestazioni per il Natale di Latina (L'offerta approvata prevede sabato 17 dicembre un evento di piazza per festeggiare il Natale della Città dal titolo "Serata Party 90 Wonderland" con successivo spettacolo di fuochi d'artificio) costeranno al Comune 70mila euro di cui 25mila saranno finanziati da un contributo per incentivare le attività produttive da parte della Camera di Commercio da 25mila euro. Un nuovo inizio in tempi stretti ma importantissimo per restituire al teatro un po' di lustro e di splendore dopo tanta assenza e tanta attesa da parte della città. Ma come sarà il futuro del D'Annnunzio sul fronte della manutenzione di una struttura così delicata e complessa come è emerso dalla sua controversa passata gestione? il Comune di Latina ha provveduto a mettere a sistema un piano di manutenzione dell'opera, una programmazione, prevista anche dal codice degli appalti, fatta di controlli e manutenzioni che era contenuta nella determina con impegno di spesa firmata dal servizio decoro che prevedeva l'affidamento del servizio tecnico con un contratto di global service all'ingegner Silvano Varsalona, già progettista e direttore dei lavori del teatro. Il Commissario prefettizio ha da poco approvato una delibera con cui si dà l'ok ai "Servizi di gestione e manutentivi in Global Service del Teatro Comunale G. D'Annunzio" con un periodo contrattuale di 7 mesi e per un canone complessivo pari a 55.416 euro, di cui 2.216 di oneri per la sicurezza, e un importo extra canone pari a 50.000 euro (iva esclusa), per complessivi 128.608 euro. Il finanziamento prevede la redazione dei documenti propedeutici alla riapertura quali, ad esempio, l'Impianto idranti, quello cosiddetto "Sprinkler", rilevatori e evacuatori anti-fumo e le planimetrie antincendio. Questo tipo di appalto si rende necessario ai fini della completa funzionalità del D'Annunzio, perché ad oggi bisogna prevedere e programmare azioni manutentivi continue e dedicate, in grado di preservare l'efficienza funzionale e le condizioni di agibilità, al fine di consentire la sua piena fruibilità, programmazione e svolgimento dell'attività teatrale. Una programmazione oggi puntuale mentre è stata il tassello mancante per tanto tempo portando a quello stato di decadimento della struttura a cui poi si è dovuto mettere mano con lavori lunghissimi.