Il Comune di Aprilia aderisce al comitato dei 17 Comuni dell'area a sud della Capitale, dai Castelli al litorale, critico nei confronti della potenziale realizzazione dell'impianto di termovalorizzazione nell'area di Santa Palomba. Dopo la mozione approvata ieri all'unanimità dal Consiglio comunale arriva dunque un altro atto gesto formale di contrarierà al progetto portato avanti dal sindaco di Roma Capitale, Roberto Gualtieri.

"L'adesione per la nostra amministrazione è scontata - afferma il sindaco Antonio Terra - questa presa di posizione avviene a poche ore dall'approvazione in Consiglio comunale di una mozione contro tale prospettiva che riteniamo assolutamente negativa per i nostri territori. Condividiamo le criticità evidenziate dalle 17 amministrazioni comunali e con loro porteremo avanti questa nuova battaglia. Una posizione critica la nostra, chiara e senza ambiguità, in coerenza con i numerosi atti votati e portati a compimento in questi anni a partire dall'adesione al percorso verso rifiuti zero, per sua natura contrario alla soluzione dell'incenerimento dei rifiuti. Siamo contrari a questo tipo di progettualità, lo abbiamo già dimostrato più volte e continueremo a difendere questa visione in ogni sede. Oltre a ribadire il concetto che questi territori hanno già dato in termini di impianti di trattamento dei rifiuti, come amministrazione crediamo nella gerarchia europea dei rifiuti e contestiamo fortemente la soluzione inceneritore. Crediamo in una raccolta differenziata spinta e di qualità che realizzi a pieno l'obiettivo di un'economia circolare completa. Siamo assolutamente contrari ad ogni ipotesi di nuovi impianti di trattamento di rifiuti sul territorio e poco importa che si tratti in questo caso di un territorio fuori dai nostri confini comunali e provinciali, visto che le emissioni in atmosfera non conoscono questo tipo di limiti e le ricadute degli inquinanti ci riguardano da vicino. Questa sarà la nostra posizione anche all'interno degli Egato che si stanno costituendo".