Arriva un nuovo e prestigioso riconoscimento per la gelateria artigianale Tonka di Valerio Esposito che ha ricevuto ieri, durante l'assegnazione dei premi assegnati dal Gambero Rosso in occasione della presentazione della guida delle Gelaterie d'Italia 2023, il premio per la valorizzazione delle produzioni Locali. La premiazione è avvenuta al Sigep di Rimini, il prestigioso salone internazionale della gelateria, della pasticceria, della panificazione e del caffè; un riconoscimento che arriva come risultato della costante attenzione della famiglia Esposito verso il territorio e l'ambiente, capisaldi del codice etico che sta alla base della produzione della realtà artigianale di Aprilia.
Un premio importante per il talentuoso gelatiere di Aprilia, già giovanissimo campione regionale del Gelato World Tour 2016 e vincitore del Festival del Gelato Artigianale nel 2020, competizione che vede confrontarsi gelatieri di tutto il mondo. «Sono felice di ottenere questo riconoscimento che per me rappresenta un doppio onore. Quando ho iniziato - dice Valerio Esposito - mi sono imposto di operare secondo un codice etico basato sul rispetto del consumatore al quale riuscire a trasmettere la cultura del gelato e dunque valorizzare questo prodotto attraverso una costante selezione e ricerca di quelle materie prime in grado di raccontare un territorio così generoso come l'agro pontino in cui sono nato: una terra giovane, strappata alle paludi da famiglie provenienti da diverse parti d'Italia che in seguito vi si sono stabilite».
Con il premio istituito lo scorso anno la guida del Gambero Rosso ha premiato non solo la maestria nell'arte del giovane gelatiere, ma anche la sua visione imprenditoriale e il suo impegno verso progetti di sensibilizzazione culturale e ambientale. La liaison di quest'anno tra Tonka e l'azienda biologica Ape d'Oro di Aprilia che, attraverso l'adozione di cinque arnie da parte della famiglia Esposito e l'utilizzo del miele nella propria gelateria, ha dato vita a dieci gusti, ha dato modo non solo di stimolare una sensibilità ambientale verso l'insetto cardine dell'equilibrio della biodiversità del nostro ecosistema, ma anche di promuovere una azienda locale che, dal 1994 svolge un importante lavoro all'insegna della sostenibilità. Così come la passione per il gin condivisa con tre amici lo ha spinto a dare vita ad un distillato che celebrasse l'agro pontino e il rapporto virtuoso con un artista locale, Raffaele Ricci, che ne ha disegnato l'etichetta ha dato origine a Bufalo Gin. Quello tributato è perciò un premio che riconosce un lavoro portato avanti con costanza e determinazione volto allo sviluppo di Aprilia.