La notizia riportata da Latina Oggi sulla trattativa in corso tra Veolia e Italgas ha messo in fibrillazione i vertici di Acea, la società italiana leader nel settore della gestione di sistemi idrici, che alcuni anni fa, precisamente nel 2017, aveva colloquiato con la stessa Veolia per ottenere la cessione delle quote che adesso fanno gola a Italgas.
La mossa di Acea
Nei giorni scorsi Acea ha scritto all'Egato 4 (Ente di Governo Ambito Territoriale Ottimale 4 Lazio Meridionale- Latina) per manifestare il proprio interesse alla trattativa in corso, non senza omettere di sottolineare che in un precedente analogo la Conferenza dei Sindaci dell'Ato 4 aveva negato il proprio gradimento in ragione dell'assenza di una procedura di evidenza pubblica per la scelta del socio privato. La stessa Acea aveva impugnato dinanzi al Tar la decisione della Conferenza dei Sindaci, sostenendo che un articolo della convenzione in essere tra la parte pubblica e il gestore privato consentirebbe il trasferimento delle quote private a un nuovo partner privato a condizione del mantenimento degli stessi impegni sottoscritti al momento della costituzione della società pubblico-privata Acqualatina. Il Tar non si è ancora pronunciato nel merito, e l'Egato ha anticipato a Veolia che intende promuovere un'azione tesa a sollecitare l'udienza del Tar per la decisione sul ricorso di Acea. In questo quadro, cosa è intervenuto a smuovere le acque e consentire a Veolia di intraprendere una nuova trattativa con un gruppo privato mentre non è ancora definito né definitivamente chiarito il procedimento relativo alla precede trattativa con Acea? Un aspetto che Acea non ha mancato di cogliere, ipotizzando che sia cambiato il quadro di riferimento che qualche anno fa aveva portato al mancato gradimento verso una eventuale cessione della nota privata del 49% di Acqualatina Spa a qualunque operatore privato che non abbia partecipato alla gara pubblica indetta a suo tempo per la scelta del socio privato della società mista.
La trattativa Italgas-Veolia
Nelle scorse settimane l'amministratore delegato di Italgas Paolo Gallo ha confermato che la trattativa con i francesi di Veolia è a buon punto, confidando alla stampa che entro maggio si potrebbe arrivare addirittura al closing. E' a questo punto che s'è acceso il campanello d'allarme di Acea, beffata alcuni anni fa quando appunto l'acquisto delle quote di Idrolatina sembrava dietro l'angolo. Poi ci fu il pronunciamento dei sindaci.