Un sito archeologico che va studiato ma in primis tutelato. Per questo, una delegazione dell'associazione "Formiana Saxa" è stata ricevuta questa mattina dal Sindaco Sandro Bartolomeo, un incontro in cui si è discusso del futuro del ponte romano sito lungo il fossato di Acqualonga, in località Acquatraversa. Un sito archeologico di grande interesse, in larga parte, ancora sconosciuto. 

Il ponte fu probabilmente eretto dai romani al servizio dell'Appia antica, costruita tra fine del IV e inizio del III secolo a.C.. La parete a destra lato nord è rivestita di "opus incertum" e mattoni. Interventi successivi, realizzati in epoca borbonica o unitaria, hanno allargato la sede del ponte ma la struttura originaria è rimasta intatta, perfettamente visibile grazie all'intervento di decespugliamento e bonifica che ha interessato il sito negli ultimi giorni, ad opera del settore Manutenzione del Comune. 

"L'associazione ‘Formiana Saxa' – commenta il Sindaco Sandro Bartolomeo –, nel segnalarmi l'importanza del sito, ha proposto all'Amministrazione di realizzare interventi per garantire l'accesso in sicurezza. Contestualmente, si è discusso della possibilità di inserire il reperto all'interno di un percorso di recupero e valorizzazione che coinvolga anche gli altri ponti romani posti lungo l'Appia antica. E' un'idea interessante sulla quale lavoreremo. Ringrazio i membri dell'associazione per l'importante contributo di idee ed entusiasmo. La storia continua a restituirci un patrimonio inestimabile - conclude il primo cittadino - e noi abbiamo tutta l'intenzione di valorizzare questo tesoro".