«Il problema della frana del Monte Cucca è talmente complesso che esige un intervento dal governo centrale. Chiederemo un tavolo comune». Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti ha risposto alle domande sul ripristino della tratta ferroviaria Terracina-Priverno e sulla messa in sicurezza del Monte Cucca stamattina, durante la consegna di cinque Cotral nuovi che faranno servizio da e per la città. Il governatore ha ribadito che si tratta di un'unica questione: «Parliamo di trasporti ma anche e soprattutto di sicurezza. La Regione garantisce l'impegno perché si apra un tavolo col governo centrale». 

Molto prudente è apparso invece il sindaco Nicola Procaccini, che ha dichiarato: «In questi anni abbiamo lavorato tanto per riavere il treno, ma ad oggi soluzioni non se ne sono trovate. Il Comune ha chiesto 4 milioni di euro di finanziamento attraverso la piattaforma, e questo già sarebbe un grosso passo avanti. Se non dovessero accettare il finanziamento, si tornerebbe al punto di partenza». Ma il sindaco di Terracina non vuole andare allo scontro: «Bisogna evitare inutili polemiche politiche. E' ben noto che la Regione non è governata dalla mia parte politica, ma su un tema del genere dobbiamo garantire massima collaborazione. Preferisco - ha concluso - prendermi qualche insulto e raggiungere il risultato».