Le regole per chi ha degli animale da affezione ci sono, specie per chi li porta a spasso in aree pubbliche o al mare. Per questo motivo l'amministrazione comunale ha deciso di istituire un servizio sperimentale sul territorio almeno fino a dicembre, facendo scendere in campo le guardie zoofile del nucleo comunale di protezione civile.
Il progetto è stato presentato ieri mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco Giada Gervasi, l'assessore Ennio Zaottini e il coordinatore della protezione civile Girolamo Terranova, nonché i consiglieri Minervini e Avagliano.
Una delle criticità è chiaramente quella del randagismo. Ci sono state parecchie adozioni sì, ma il problema ancora c'è e si acutizza alla fine dell'estate. Il Comune di Sabaudia incrementerà i controlli su tutto il territorio e al fine di avere un dialogo costante con i cittadini – e non solo per quanto riguarda tali questioni ma anche per altri disagi – è stata istituita una email per le segnalazioni: segnalazioni@comune.sabaudia.latina.it.
La priorità, dicevamo, è sì contrastare il randagismo, ma anche altri fenomeni problematici e irrispettosi delle regole come quello relativo alle deiezioni canine. Tante le segnalazioni arrivate sino ad oggi anche per quanto riguarda la spiaggia. Anche lì saranno effettuati controlli e chi non rispetterà le regole rischierà sanzioni amministrative. «Questo servizio - ha detto il sindaco Giada Gervasi - ha una funzione preventiva. Siamo per la legalità e il rispetto delle regole». «Il nostro lavoro - ha poi concluso Terranova - non serve a fare cassa, bensì a educare i proprietari degli animali».