Un parco ricco di pericoli, con poca sicurezza e - in alcune parti - in stato di abbandono. È questa la fotografia "scattata" dall'associazione "Città Insieme" per quanto riguarda l'area verde pubblica "Giovanni Palatucci" di Nettuno, con tanto di segnalazione inviata al sindaco Angelo Casto attraverso una e-mail di posta certificata.
In particolare, i membri dell'associazione hanno allegato alla segnalazione diverse foto esplicative dello stato precario sia del parco che del cantiere della (futura?) piscina comunale.
In più sono state segnalate delle carenze, ormai croniche, di questo polmone verde alle porte del centro storico nettunese.
Secondo l'associazione, manca un impianto di illuminazione che possa garantire sicurezza per i fruitori del parco ma si segnala anche la carenza di raccoglitori dei rifiuti, che potrebbero evitare la dispersione di cartacce e quant'altro all'interno della zona.
Non è tutto. Nella segnalazione, infatti, si evidenzia la mancanza di un regolamento di apertura e chiusura dell'ingresso al parco, con la zona che rimane aperta tutta la notte: ne consegue che diverse persone utilizzino il parco anche per lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti, con alcune siringhe che sono state rinvenute dai membri dell'associazione stessa.
Infine, viene sottolineata la carenza di sicurezza del cantiere della piscina, con facile accesso all'area e il rischio concreto che qualcuno possa farsi male, ma anche la poca cura degli ambienti, anche in termini di disinfestazione e derattizzazione.
«Vorremmo avere delle riposte in merito al programma di intervento» concludono dall'associazione, auspicando che l'amministrazione comunale possa prendere a cuore le sorti del parco cittadino.