Il volantinaggio senza regole danneggia il decoro urbano e rappresenta anche un problema ambientale e finanziario per le casse pubbliche per lo smaltimento dei rifiuti prodotti. Tanto che il sindaco di Itri, Antonio Fargiorgio, ha fissato delle regole piuttosto stringenti con un'ordinanza sindacale. E chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative fino a mille euro.

La «distribuzione indiscriminata» di questo materiale, come viene definita nell'atto, «è causa di un enorme e notevole deposito di rifiuti di difficile raccolta, dell'imbrattamento del suolo pubblico e dell'occlusione delle caditoie». Ecco il perché dell'ordinanza. In buona sostanza è stato disposto un divieto pressoché totale, tranne che per alcune particolari situazioni. L'attività è consentita, se svolta secondo le previsioni di legge, per quanto riguarda i depliant commerciali, che dovranno però essere «esclusivamente» posizionati nella cassetta della posta. Le ditte o gli incaricati delle operazioni, inoltre, dovranno segnalare «almeno tre giorni prima» al comando di polizia municipale l'inizio delle operazioni e l'itinerario che seguiranno nella distribuzione dei volantini.