Promuovere una cittadinanza attiva, non puntando solo a istruire i ragazzi, ma anche a educarli. È l'obiettivo dell'istituto comprensivo "Leonardo da Vinci" di San Felice Circeo, che da ieri ha ufficialmente un proprio "mini-sindaco" e consiglieri comunali al seguito. La cerimonia si è svolta nell'aula consiliare alla presenza del sindaco Giuseppe Schiboni, degli assessori e dei consiglieri comunali di maggioranza e di Stefano Capponi della minoranza. Il mini sindaco eletto è Maria Vittoria Calisi, mentre i mini consiglieri: Giorgia Benetti, Flavio Budai, Matteo Cardinali, Sofia Ceccarelli, Valerio Mastracci, Elena Palmeroni e Giulio Valesi.
«Riprendiamo un percorso - ha detto la professoressa Loredana Mosillo, dirigente scolastico - iniziato anni fa, che ci vede inseriti in una rete nazionale di circa 80 scuole che hanno un comune denominatore: ricadono in aree protette. Si tratta quindi di un modo per promuovere l'attenzione verso le tematiche ambientali e per incentivare una cittadinanza attiva anche nei più giovani». Quella di ieri è stata anche l'occasione per celebrare la giornata nazionale contro il bullismo e per accogliere i ragazzi andati ad Auschwitz in occasione della Giornata della Memoria. Un «pellegrinaggio laico» lo ha definito la professoressa Mosillo. «Vi coinvolgeremo - ha detto il sindaco Giuseppe Schiboni rivolgendosi ai ragazzi - soprattutto per le argomentazioni che riguardano la scuola e i giovani. Questa - e il riferimento era all'aula consiliare - non è una rocca inespugnabile, bensì un luogo aperto a chiunque, dove siamo pronti a recepire, per quanto possibile, anche le vostre istanze».