A distanza di diversi mesi dall'avvio della stagione balneare 2018, il Comune di Anzio è "a caccia" di un operatore economico che sia intenzionato a gestire il servizio di salvamento a mare lungo le spiagge libere del territorio. In particolare, l'ente vuole dotare di assistenti ai bagnanti - i cosiddetti bagnini - e adeguate strutture tutti gli arenili non in concessione, al fine di garantire sicurezza alla popolazione residente e ai turisti. «Il servizio che si intende affidare - si legge nell'indagine di mercato - consiste nell'installazione di postazioni di salvamento a mare, con personale munito di regolare brevetto, complete di tutta l'attrezzatura prevista dalla normativa vigente». Il periodo di lavoro inizierà il primo maggio e terminerà il 30 settembre: chiaramente, tutti i dettagli saranno contenuti nel capitolato d'appalto che l'ufficio Demanio del Comune invierà a coloro che manifesteranno interesse a partecipare alla procedura. Chi vorrà rispondere all'avviso pubblico, ovviamente, dovrà avere dei requisiti. Gli operatori economici «dovranno essere in possesso dei requisiti di ordine generale, per essere affidatari di contratti pubblici, previsti dalla normativa vigente». Le domande dovranno pervenire al Protocollo del Comune esclusivamente tramite pec entro le ore 12 del prossimo 12 marzo.