Il Comune di Priverno ha assunto l'impegno di spesa necessario a pagare il dovuto alla cooperativa sociale "Karibu" per la gestione del servizio Sprar (Servizio protezione richiedenti asilo e rifugiati) svolto nel corso dei dodici mesi del 2017.

Si tratta dell'anno in cui Karibu ha gestito il servizio di accoglienza e integrazione di trenta cittadini stranieri aderenti allo Sprar nel territorio di Priverno, in proroga rispetto al primo triennio in cui risultò affidataria della gestione e in attesa dello svolgimento della gara di affidamento del nuovo bando triennale.

La somma impegnata su nota del dipartimento Servizi sociali dell'ente lepino è di 396.609 euro.

La copertura finanziaria di tale pagamento viene garantita dall'apposito finanziamento elargito dal ministero dell'Interno allo stesso Comune di Priverno in quanto assegnatario dei fondi destinati all'accoglienza.

La cooperativa Karibu, gestisce il servizio di accoglienza a Priverno dal 2013. La delibera di primo affidamento del servizio risale all'aprile di quell'anno, quando venne avallata l'adesione al primo progetto triennale 2013-2016.

L'adesione è stata poi prolungata con una delibera di prosecuzione del progetto risalente al settembre 2016 tanto che, poco dopo, venne pubblicato un avviso pubblico per consentire la scelta di un soggetto gestore con il quale elaborare una progettualità finalizzata alla prosecuzione del progetto Sprar, così come previsto dal decreto del ministero dell'Interno, anche per il triennio 2017-2019.

La procedura selettiva da cui scaturisce questo pagamento, che corrisponde alla prima annualità del secondo triennio, venne indetta con la determinazione numero 652 del 30 dicembre 2016.

Nelle more del completamento della procedura di gara per l'individuazione del nuovo soggetto, la prosecuzione del progetto di accoglienza e integrazione di trenta cittadini stranieri aderenti al progetto Sprar in corso, venne riconosciuta alla stessa cooperativa sociale integrata "Karibu" per ulteriori sei mesi (dal primo gennaio 2017 al 30 giugno 2017) dietro un corrispettivo di 198.304 euro.

Poi, mese per mese, in attesa di completare la nuova gara, è arrivato un corrispettivo di 66.101 euro ogni trenta giorni fino al totale pattuito.