«Informazione capziosa». Così l'assessore ai Lavori pubblici Luca Caringi replica a muso duro al consigliere comunale Valentina Berti, nei giorni scorsi protagonista di un j'accuse sulle condizioni in cui versano le scuole terracinesi. Berti si era detta imbarazzata al posto del Comune per quello che aveva visto e fotografato, denunciando anche ritardi nella fine dei lavori. «Mi preoccupo io di togliere dall'imbarazzo la consigliera Berti», replica però Caringi: «Scuola "Elisabetta Fiorini": i lavori procedono regolarmente e termineranno nei tempi previsti dopo le difficoltà della ditta che si è aggiudicata l'appalto - risponde l'assessore - anche perché sono previste forti penali in caso di inadempienza. Borgo Hermada: l'intervento è stato compiuto ad opera d'arte secondo le disponibilità economiche erogate dalla Regione Lazio. La parte in cui si stanno verificando le infiltrazioni riguarda quelle non oggetto dell'intervento di ristrutturazione. In questo caso sta provvedendo il Comune a realizzare i lavori. I materiali sono sul posto già da due mesi, ma finché non smette di piovere non è possibile la posa in opera. Quella delle condizioni meteo avverse è, purtroppo, un fattore determinante quando si tratta di dover realizzare lavori all'aperto». Quanto alla scuola Giovanni Paolo II, «realizzata, come giustamente ha fatto notare la consigliera Berti, solo venti anni fa, cioè all'epoca dell'amministrazione di sinistra» replica Caringi, «ha già dei problemi. Anche io mi chiedo chi avrebbe dovuto controllare il buon esito dei lavori». Scontro a muso duro, dunque. Caringi assicura sui bagni della Montessori, che sono stati sistemati, dopo il problema dovuto al «tipo di carta igienica utilizzato che non si dissolve facilmente e ostruisce spesso gli scarichi». Ora saranno sistemati anche gli infissi. Caringi lancia una frecciata anche sulla campagna elettorale: «L'unica cosa roboante che abbiamo notato tutti in Italia è il tracollo del Partito Democratico». Mentre è il consigliere Barbara Carinci che assicura sulle condizioni degli alunni a villa Adrover: «Ancorché provvisoria, risulta essere sufficientemente confortevole, anche a detta delle famiglie. Comunque siamo tutti ansiosi di rientrare finalmente nella  sede di via Roma».