Un Consorzio industriale tornato in salute e il lancio dell'agenzia delle imprese. Sono i due temi portanti della conferenza stampa di fine mandato che si è svolta questa mattina nella sede del Consorzio Roma Latina in via Carrara. Un appuntamento che segna il passo d'addio per il presidente del Cda Carlo Scarchilli e gli altri consiglieri. I risultati da rivendicare non mancano. Quando l'attuale Cda è entrato in carica, tre anni fa, la situazione del Consorzio era particolarmente delicata, con alta esposizione debitoria e una evidente difficoltà di valorizzazione del patrimonio.

"Abbiamo avviato la riqualificazione finanziaria del Consorzio come primo atto del madato – ha spiegato il presidente Carlo Scarchilli – con una serie di investimenti necessari. Abbiamo messo a reddito il patrimonio, in particolare gli uffici e sburocratizzato tutta una serie di autorizzazioni che ora è possibile ottenere in pochi giorni. Abbiamo trovato e risolto il contenzioso e iniziato a pagare un debito alla Regione Lazio di 4 milioni di euro". Nel corso dell'ultimo anno, il 2017, sono stati avviati alcuni importanti progetti di sviluppo. In particolare, ha aggiunto Scarchilli, " ci siamo dedicati alla reindustrializzazione portando avanti la politica di recuperere le aree dismesse. Tra i più importanti ci sono la reindustrializzazione della ex Scm di Latina Scalo con il progetto Bsp e di un altro sito dismesso a Sezze Scalo mediante il progetto Allit. Lo stesso faremo con la ex Paoil e con un'altra area a Castel Romano. In totale un recupero di 40 milioni di euro". Oltre questo, il Consorzio ha prestato massima "attenzione agli operatori, riducendo le tariffe del 35% e informatizzato tutto il complesso dei soci e dei clienti".
Ma il grande risultato è lo sportello del'Agenzia delle Imprese. "Aprirà qui tra pochi giorni in via Carrara e sarà uno strumento fondamentale per le imprese pontine. Non sarà più necessario infatti recarsi nei vari uffici per ottenere le autorizzazioni, ma sarà sufficiente rivolgersi all'Agenzia." Altri sportelli, nelle intenzioni del Consorzio Asi, apriranno nelle varie sedi delle associazioni di categoria. Un servizio in più offerto alle imprese per garantire sviluppo e investimenti". "C'è una ripresina in atto – ha spiegato il consigliere di amministrazione Luciano Mocci – e dobbiamo fare di tutto per sfruttare al meglio questa congiuntura, aiutando le imprese a creare sviluppo e occupazione".