Domenica di solleone, temperature quasi estive, e per il secondo weekend consecutivo senza il maltempo, Terracina viene presa d'assalto da centinaia di persone. Dal centro storico alto a quello basso, fiume di visitatori. Ma a fare la parte del leone è il lungomare Circe, con la spiaggia già costellata da asciugamani, partitelle e primi bagni, e la strada con code di auto ma soprattutto di biciclette sulla lunga pista ciclabile. 

In tutto questo, c'è chi non sa godersi la giornata di sole senza esagerare, e soprattutto non rispetta i divieti. Come è accaduto nei pressi della Pineta, dove due Quad guidati da ragazzi, forse minorenni, hanno scorrazzato sulla spiaggia sebbene sia vigente un severo divieto di "transitare con qualsiasi tipo di veicolo, ad eccezione di quelli adibiti a servizi di polizia e soccorso, nonché di quelli addetti alla pulizia degli arenili". E' l'ordinanza balneare a dirlo, emessa dal settore Demanio Marittimo e Agricoltura, risale al 2014 ma è ancora vigente, concordata con la Capitaneria di Porto. 

E' comprensibile che è assai difficile controllare la città quando ospita così tanti turisti e visitatori, al contempo i cittadini dovrebbero astenersi, per il bene proprio e quello altrui, di adottare comportamenti fuori dalle regole, specie se in presenza di altre persone.