Terrorismo, tra verità e distorsione mediatica. Progetto pilota al liceo "Da Vinci" di Terracina, per conoscere a fondo e senza pregiudizi l'universo islamico, decifrando linguaggi e registri con cui viene comunicato il terrorismo. Gli studenti di Scienze umane su intuizione di Rosalba Cardinale, docente e psicologa, ha elaborato il progetto di Manuela Ruggieri, arabista e islamologa, che insegna scienze motorie all'Itc Bianchini. Due le classi quinte coinvolte in un corso pomeridiano sulla questione del fondamentalismo islamico. Uno studio sulla parola, sul linguaggio, sulla terminologia, fatto anche con la lettura dei versetti del Corano, per comprendere il vero ruolo attribuito al jihad dai musulmani e dagli integralisti islamici.

Quello che ne è venuto fuori è un prodotto che sarà utile a tutti i cittadini, anche ai più piccoli. Gli studenti hanno infatti realizzato una guida per le famiglie e gli insegnanti per fornire una visione globale sull'argomento. Particolarmente significativo il capitolo "L'Isis spiegato ai bambini", segno di una volontà di spiegare con linguaggio semplice, anche ai più piccoli, di cosa si parla quando si parla di terrorismo. Un lavoro complesso, fondato su dati scientifici e studi. Fuori, insomma, da strascichi emotivi e paure