Ha visto da poco la luce sul web un nuova bellissima rivista settimanale – creazione pare della fervida mente di Piermario De Domincis – intitolata Latina città aperta. «Latina città aperta?» ha detto l'altro giorno il mio barbiere – di cui per privacy non cito il nome – di Corso Matteotti: «Ma agh vorìa propio le patulie de soldà todesche pronte, un due tre!, a sparar a ràfica a la schina a tuti i maladeti e maladete che i porta a spasso par la strada i can da leco e da pajaro, tuti can che caga a rotta de còlo par ogni marsapié, senza che quei fiòi de can de paroni, ch'agh vegna un càncher, ghe salti par la testa de tirar su la merda e portàrsela a cà. No, tuti par la strada i la lassa, a farla pestar a quei che ghe vien drìo».
«Sììì!» facevano tutti quanti, dentro la bottega: «Fusilasion a la schina agh vole, fusilasion! Se no che casso d'educasione xèa?»

«Ma no solo par lori!» insisteva però il barbiere; guai a dargli ragione infatti, non gli basta mai e subito ogni volta ti riscavalca all'istante sia a destra che a sinistra: «Fusilasion pure pei vìsili, che i vìsila stocasso e no i vìsila mai le merde».
«Sììì! Ma anca pei polìtisi de destra e de sinistra», hanno ribattuto gli avventori, «compresi i sìvici che i comanda adesso: leggalità, leggalità, e nisun de lori che pesta mai na merda? Solo che mi, agò da pestarle tute? Fusilasion anca par lori!»
«Porca putana» s'è sbiancato il barbiere: «Adesso mi che casso diso? Agò da starme zito? Ma gnanca s'al moro, Mariavèrzine!»
Ci ha pensato sopra, ha tirato un respirone e poi è esploso: «No me basta, orcocan! Fusilasion par tuti ndistamente i latinesi, parché un pòpolo che'al subìsse sensa ribelarse, da star int la merda de can par la strà, xè un pòpolo che no mèrita da vìvare, in una città che sarìa tanto bèa, sensa de lu. Fusilasion par tuti appena che i nàsse, in stacasso de sità!»
«E vafanculo và!» sono insorti allora gli altri, affollandosi all'uscita: «Con ti no se pol parlar! At vol senpre aver razon, va in malora».
Ma come hanno messo il naso fuori – sul marciapiede di Corso Matteotti – non sono finiti tutti quanti su una merda da un quintale lasciata nel frattempo dal minuscolo chihuahua di una signora tutta ingioiellata, davanti alla porta del negozio? È un miracolo della fisica – uno dei misteri più impenetrabili del cosmo, peggio ancora dei buchi neri e l'iperspazio – quanta merda riesca a contenere e poi espellere un chihuahua maledetto. Più piccoli sono e più merda fanno: «Gnanca un liofante, ciò» ha detto il barbiere.
Ma l'altro mistero più grosso, è il gesto di noncuranza e l'assoluta indifferenza con cui le padrone femmine altere e i miseri miseri miseri padroni maschi – ch'agh vegna la pelagra – la guardano, scavalcano, e tirano avanti tranquillamente.
Sindaco Coletta! Legalità è pure impedire che la gente caghi o lasci le merde in giro per strada. Non crede?
«La Wehrmacht al vole, la Wehrmacht!» insiste però il mio barbiere.