Un diploma smarrito le era costato l'annullamento della laurea conseguita all'Università di Siena. Per questo Antonella Perazzetta, senese che vive e lavora da anni a Latina, ha condotto una dura battaglia legale insieme all'avvocato Pietro Verdesca Zain, prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, che pochi giorni fa le ha dato ragione, restituendole il titolo. A riportare la storia il quotidiano LaNazione.
"Ora sorrido ma è stato un incubo", ha sottolineato la donna che mentre inseguiva la sua laurea nelle aule dei tribunali ha anche dovuto prendere un altro diploma per non perdere il lavoro come educatrice di ragazzi disabili. Antonella aveva conseguito il titolo di studio presso l'istituto Leone XIII per poi iscriversi alla facoltà di Scienze dell'educazione di Siena dove si laurea il 10 dicembre 2009. Ma poco dopo un funzionario dell'ateneo senese la contatta dicendo di non trovare agli atti il diploma originale e che in mancanza del documento la laurea sarebbe stata annullata. A quel punto iniziano le ricerche ma nessuno riesce a trovare quel documento in quanto l'istituto dove ha conseguito il diploma ha chiuso da tempo e l'Università le revoca il titolo di studio sostenendo che avesse auto-certificato il diploma. Inizia così la battaglia legale. Il Tar le dà torto ma Antonella non si arrende e, insieme al suo legale Pietro Verdesca Zain, è andata avanti fino alla sentenza del Consiglio di Stato.