Il Comune di Aprilia prova ad ottenere una linea bus di collegamento tra la città e l'ospedale dei Castelli Romani.  Il nuovo presidio ospedaliero - inaugurato lo scorso 18 dicembre - sta registrando un notevole numero di accessi anche da Aprilia, vista la distanza ravvicinata tra la struttura sulla Nettunense (a Fontana di Papa, nel Comune di Ariccia) e la città più a nord della provincia di Latina. Un aspetto che non è sfuggito all'amministrazione comunale, che ha scritto alla Regione Lazio per chiedere una linea di trasporto pubblico di collegamento diretto con l'ospedale; sulla falsariga di quanto è stato deciso nei giorni scorsi per alcuni comuni dei Castelli (Lanuvio, Nemi, Genzano di Roma, Albano Laziale, Castel Gandolfo, Marino e Rocca di Papa).

LA LETTERA
Perciò nella giornata di ieri il sindaco Antonio Terra ha scritto al direttore della settore Infrastruttura e Mobilità della Regione, Stefano Fermante, per chiedere il potenziamento delle corse. «Il nuovo presidio ospedaliero, oltre a servire i Comuni del distretto sanitario di riferimento, in virtù della propria localizzazione geografica risponde alla domanda di assistenza sanitaria - scrive il primo cittadino - di un vasto bacino territoriale di Aprilia, per continuità viaria e infrastrutturale, è pienamente parte. E sono molteplici le richieste della cittadinanza per avere un collegamento di trasporto, agevolando così le fasce di popolazione più fragili ed impossibilitate all'utilizzo di un mezzo autonomo, visto che la distanza dal centro urbano all'ospedale è di 10 chilometri».
Una distanza che tuttavia si riduce a 4 chilometri se si considera la zona più vicina (Campoleone) servita dal Tpl di Aprilia; perciò il sindaco Terra chiede alla Regione Lazio un impegno per colmare questo gap. E al tempo stesso sottolinea volontà dell'amministrazione civica di collaborare affinché venga trovata una risposta adeguata, permettendo così ai cittadini di avere un servizio bus per l'ospedale sulla Nettunense. «Le richieste dei cittadini sono diventate ancora più incisive nel momento in cui Aprilia - spiega il primo cittadino - non è stata coinvolta nell'attivazione delle 8 linee di trasporto intercomunale. Ad oggi il nostro Comune, all'interno del Tpl, dispone di un collegamento tra il centro e la vicina Campoleone, che dista solo quattro chilometri dal Noc. E siamo pronti, in sinergia con la Regione, a studiare la soluzione più efficace che ci consenta di eliminare questo gap e il disagio che oggi ci viene rappresentato. Soprattutto dai soggetti più fragili».