Riscaldamenti guasti da una settimana, il centro anziani Toscanini è costretto a chiudere temporaneamente in attesa dei lavori di riparazione.  E' questa la decisione che è stata presa ieri mattina dal comitato di gestione, al termine della riunione che si svolta nella sede di via Parigi per fare il punto sulla situazione. E soprattutto per capire le intenzioni dell'amministrazione comunale, proprietaria dell'immobile e in ritardo sulla vicenda. 

L'impianto di riscaldamento del centro anziani è guasto da una settimana, ed i responsabili della struttura hanno immediatamente informato l'amministrazione comunale dell'accaduto affinché si provvedesse in maniera rapida alla sistemazione. Addirittura i responsabili del centro anziani si sono proposti di riparare a proprie spese l'impianto, salvo però un «via libera» da parte dell'amministrazione comunale che è proprietario dell'immobile. «Abbiamo subito - spiega un componente del centro - informato i tecnici dell'assessorato ai Lavori Pubblici e il capo di gabinetto Eva Torselli di quanto accaduto, protocollando poi una lettera per chiedere un sopralluogo. Ma per giorni non abbiamo ricevuto risposta». E non è questa l'unica mancanza del'amministrazione. «Da diverso tempo chiediamo agli uffici l'installazione di un faro sulla rampa d'accesso per disabili e la pulizia dal muschio che si è formato per terra, quella rampa - spiegano - è infatti utilizzata da diverse persone e in questo modo, con il buio, risulta essere molto pericolosa. Inoltre avevano chiesto due posti per disabili nelle vicinanze, ce ne hanno però realizzato solo uno».

I tecnici del Comune di Aprilia infatti sono arrivati solo dopo 6 giorni, nel frattempo però i lavori i responsabili della struttura sono stati costretti ad assumere delle decisioni. E, nella giornata di ieri, hanno deciso la chiusura temporaneo, affiggendo anche un cartello all'ingresso per spiegare la situazione alle persone che frequentano il luogo. Il centro sociale di via Parigi era infatti fin dall'apertura, grazie alle attività e al dinamismo dei suoi soci, è diventato un punto di riferimento per il quartiere e rimaneva aperto tutti i pomeriggi. Perciò la chiusura, seppure temporanea e limitata ai giorni utili per eseguire i lavori di sistemazione, comporterà dei disagi.