Ancora una volta il Comune di Priverno si vede costretto a prorogare un bando già in corso, nei pressi della sua scadenza, a causa delle poche richieste di interesse pervenute. È accaduto di nuovo per la procedura aperta per l'affidamento dei lavori di ristrutturazione edilizia finalizzata al recupero, completamento e messa a norma del teatro cinema comunale, che è stata allungata fino al 29 gennaio 2019, ossia 15 giorni in più rispetto alla prima scadenza. La prima pubblicazione aveva avuto inizio lo scorso 24 dicembre e sarebbe dovuta proseguire fino al 14 gennaio. Il 24 di questo mese, poi, ci sarebbe dovuta essere l'apertura delle buste. L'amministrazione, però, per dare un lasso maggiore di tempo alle ditte eventualmente interessate, ha deciso di dare una proroga che concede un periodo aggiuntivo idoneo a consentire una più ampia e consapevole partecipazione alle imprese interessate.

Del resto il teatro è già attualmente in funzione grazie alla direzione artistica della struttura assunta da Matuta Teatro, che anche quest'anno ha approntato una stagione di appuntamenti variegata. È vero anche che si tratta di un bando assai corposo, visto che il progetto esecutivo redatto dall'architetto Giorgios Papaevangeliu prevede un intervento da ben 785mila euro. Il finanziamento che sostiene i costi dei lavori è frutto di un bando regionale cui l'amministrazione Bilancia è riuscita a partecipare, fresca ancora di insediamento, con una corsa contro il tempo nell'agosto 2016 e rientra nel Piano di interventi per lo sviluppo delle strutture culturali nel Lazio. Del resto, è il destino del cinema teatro di via Domenico Marzi avere una vita tribolata, come dimostra il fallimento della precedente gestione come cinema e i mesi di proroghe che hanno allungato i termini per l'affidamento della direzione artistica.