La società Cisterna Ambiente distribuisce agli utenti del centro serviti dalle isole informatizzate le tessere, mai ritirate, per migliorare il buon funzionamento del sistema di raccolta differenziata. A distanza di 2 anni dall'avvio del progetto sono state registrate percentuali relative alla differenziazione del rifiuto alquanto confortanti. Infatti la parte della città che ha ricevuto gli strumenti ha risposto con attenzione e dedizione al progetto confermando un trend positivo. Tra i dati relativi al servizio è emerso, però, che molti cittadini non hanno provveduto a ritirare tessere e i kit; una posizione a cui fin d'ora nessuno si era interessato e che sta determinando la mancata spinta rispetto alla auspicata  crescita  della differenziata. Si sta provvedendo, pertanto, a regolarizzare la posizione di queste utenze alle quali saranno recapitate le tessere per il funzionamento dei cassonetti informatizzate ed una lettera a firma del liquidatore della Cisterna Ambiente. "Grazie alla collaborazione della città – evidenzia l'avvocato Diego Cianchetti - vogliamo intraprendere un percorso che porti il rifiuto ad essere visto non più come un problema, ma come una risorsa. A tal proposito è bene ricordare che è reato ambientale gettare rifiuti per strada o abbandonarli accanto ai cassonetti, anche se sono differenziati. C'è un riscontro economico, se la raccolta funziona in tutta la città, ci sarà uno sconto sulla tariffa annuale oltre che una città più pulita".