Il Comune di Aprilia acquisisce ufficialmente la villa del quartiere La Cogna confiscata alla criminalità. Nella giornata di ieri il sindaco Antonio Terra, l'assessore ai Lavori Pubblici Luana Caporaso e un tecnico comunale hanno visitato l'abitazione in via dei Ciliegi, dove intorno all'ora di pranzo è avvenuta la consegna delle chiavi da parte dell'avvocato dell'Agenzia del Demanio. Dopo un breve sopralluogo il gruppo è tornato in Comune per la firma del verbale di consegna, che sancisce ufficialmente il passaggio dell'immobile all'ente di piazza Roma e l'avvio del progetto per la realizzazione di un centro polifunzionale per l'infanzia e l'adolescenza nella struttura sottratta alla malavita.
A fine novembre, il Comune di Aprilia aveva presentato all'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati (Anbsc) la propria manifestazione d'interesse per tre beni immobili presenti nel territorio comunale. Oltre alla villa in località La Cogna, il Comune ha ottenuto anche due fabbricati nella zona industriale Caffarelli. Per la villetta di via dei Ciliegi l'amministrazione comunale ha già chiesto alla Regione Lazio un contributo di 70 mila euro, fondi necessari per la riqualificazione dell'edificio. Il progetto infatti prevede la messa in sicurezza dell'immobile, l'abbattimento delle barriere architettoniche e la dotazione di arredi idonei alle attività che vi saranno realizzate.  Gli interventi riguarderanno anche la piscina esterna, presente nel giardino della villa. In questo modo, la villa potrà ospitare 30 utenti in contemporanea, differenziati per fasce d'età. Per questo si attende una risposta dalla Regione Lazio, anche se l'amministrazione Terra sta valutando anche altre strade per riqualificare l'edificio. «Il nostro auspicio - spiega l'assessore ai Lavori Pubblici, Luana Caporaso - è che la Regione Lazio ci risponda in tempi brevi, altrimenti valuteremo delle alternative. Il contributo di 70 mila euro infatti comunque non coprirebbe l'intero costo dell'intervento progettuale, inoltre la nostra priorità è quella di avviare al più presto i lavori di riqualificazione».