Il vicepresidente del Circolo di Legambiente Terracina "Pisco Montano" e responsabile scientifico, Gabriele Subiaco, parteciperà al convegno "Un mare di plastica. Ecosistema, ambiente, economia e salute. Tutto è a rischio", insieme a Felice Enrico Di Spigno, coordinatore della "Rete Plastic Free Beaches Terracina" e presidente del SIB Confcommercio Terracina, che si terrà domani a Latina presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università La Sapienza e precisamente nella Sala Conferenze di Via XXV Maggio. Il convegno organizzato da Slow Food Lazio e dall'Università La Sapienza di Roma Polo di Latina è patrocinato dalla Provincia di Latina, dal Comune di Latina, dal Parco Nazionale del Circeo e dalla Camera di Commercio di Latina. La giornata sarà incentrata sulla discussione delle problematiche legate alle microplastiche e alle conseguenze che queste producono sia a livello ambientale, che nella catena alimentare. Verranno inoltre presentate le metodiche più avanzate di caratterizzazione di tali prodotti unitamente a possibili soluzioni finalizzate al loro recupero e riciclo.

Nella tavola rotonda prevista verrà presentata l'esperienza della Rete territoriale "Plasticfreebeaches Terracina" nata nel 2017 dal progetto internazionale #Plasticfreebeaches di Legambiente nazionale finanziato dalla prestigiosa Fondazione Principato di Monaco, di cui Terracina è stato sito di attuazione nazionale, e del progetto Sperimentale "Fishing for Litter Terracina" che vede Terracina tra i più importanti siti di attuazione a livello italiano, anche a seguito della recente approvazione del protocollo regionale Fondali Puliti della Regione Lazio con Arpa Lazio e Corepla per il recupero e riciclo delle plastiche in mare, che consentirà in tutta la costa regionale la raccolta dei rifiuti da parte degli operatori della pesca, la verifica e la misurazione delle quantità e delle tipologie dei rifiuti recuperati dalle imbarcazioni, e della recente presentazione della Proposta di Legge Muroni-Fornaro (Atto Camera 691), a prima firma della ex Presidente di Legambiente Rossella Muroni, che solo pochi giorni fa ha iniziato il suo iter alla Camera e che consentirà al ministero dell'Ambiente e alle Regioni di stipulare convenzioni con gli imprenditori ittici finalizzate alla raccolta dei rifiuti trovati durante la normale attività di pesca, consentendo finalmente in modo ufficiale ai pescherecci di raccogliere i rifiuti marini e dichiarare la plastica abbandonata in mare un "rifiuto solido marino" e facilitarne così lo smaltimento.