Nuove tariffe, a San Felice Circeo, per matrimoni e unioni civili. A deciderlo, in questi giorni, la Giunta municipale. Tante le richieste di celebrazione che sono arrivate negli ultimi anni, sia da parte dei residenti che da parte di persone che vivono altrove. «La maggior parte di questi matrimoni si celebrano per lo più di pomeriggio o in giorni festivi, quando gli uffici chiusi debbono riattivare le procedure impegnando personale e mezzi solo per l'occasione». Queste le premesse dell'atto, in cui poi si aggiunge che l'amministrazione «offre agli sposi omaggi in termini di addobbi della sala», con un onere aggiuntivo anche per quanto riguarda il lavoro straordinario dei dipendenti, energia elettrica, allestimento sale, pulizia dei locali e quant'altro. Pertanto la Giunta, come già stabilito, ha ritenuto opportuno compensare almeno in parte queste uscite con un contributo che gli sposi devono versare al Comune. In merito alla quantificazione, precise direttive sono arrivate il 19 febbraio e nei giorni scorsi le stesse sono state formalizzate ed entreranno in vigore da aprile (verranno applicate, per la precisione, alle richieste che arriveranno dopo la data del 1 aprile).
Le coppie con almeno uno dei due coniugi residente a San Felice pagheranno 80 euro, mentre negli altri casi il costo è di 500 euro. Gratuite invece le celebrazioni svolte presso la sede centrale dei Servizi Demografici (in via Carducci) durante l'orario di servizio. Le sedi in cui potranno essere consentite le celebrazioni sono quelle individuate già nel 2008 e nel 2012: la sala consiliare, la sala del sindaco, la torre dei templari, il cinema-teatro comunale e l'area di piazza Lanzuisi, la porta del Parco, Vigna La Corte, nonché la terrazza al di sopra del cinema.