Un'interrogazione sull'impianto di irrigazione del campo sportivo "Caporuscio" di Pontinia. E' quella che il consigliere di minoranza Simone Coco ha presentato in queste ore al sindaco Carlo Medici, al delegato allo Sport Antonio Pedretti, all'assessore ai Lavori pubblici Giovanni Bottoni e al presidente del Consiglio comunale Eligio Tombolillo. Il documento di Coco parte da una premessa, che è poi l'indicazione del capo settore che nella determinazione numero 34 del 12 marzo annuncia l'acquisto di un irrigatore e lascia intendere che in futuro l'onere di utilizzo dello stesso irrigatore sarebbe demandato alle società che risulteranno affidatarie del campo. «Ma questo non indicando chi, al momento, possa e debba utilizzarlo - osserva Coco nell'interrogazione -. Dalle informazioni in mio possesso, posso dire che non tutte le società attualmente operanti sul campo sportivo sono state contattate dal Comune per essere aggiornate della novità riguardante l'irrigazione del campo sportivo; che l'operazione di innaffiatura non sembra essere automatizzata, ma affidata al lavoro di un operatore, con tempistiche per completare l'operazione non ancora ben chiare; che l'irrigatore, se lasciato in prossimità del campo, potrebbe risultare pericoloso per l'incolumità degli atleti; che l'utilizzo dell'irrigatore potrebbe necessitare di specifica formazione o dalla presenza di più di un operatore».
A questo punto il consigliere chiede lumi sulla situazione aspettandosi una risposta in Consiglio comunale. «Mi chiedo se questa è da considerarsi la soluzione definitiva per l'irrigazione del campo sportivo - sottolinea Coco -. Chi, al momento, risulta autorizzato all'utilizzo dell'irrigatore stesso. Se gli eventuali orari di irrigazione siano stati decisi in base alle esigenze delle società o, quantomeno, comunicati alle società che utilizzano il campo sportivo e se è intenzione dell'amministrazione convocare i dirigenti delle varie società sportive al fine di comunicare le modalità di utilizzo dell'irrigatore in questione».