È ancora in fase di rodaggio, e soprattutto deve ancora essere digerito dai privernati, il nuovo piano urbanistico di via Torretta Rocchigiana; per prevenire situazioni ormai non più tollerabili come quelle del blocco totale della circolazione nel caso si fossero incrociati due mezzi pesanti, ma, a volte, anche un mezzo pesante (bus Cotral) e una vettura, o addirittura due vetture, l'amministrazione ha ordinato il divieto di sosta su uno dei due lati della strada, nei punti in cui la carreggiata è più stretta.
In questo primo periodo, i controlli della polizia locale sono ancora blandi, ma presumibilmente diventeranno più stringenti dopo le festività.
Se, dopo le lamentele dei primi giorni, i residenti cominciano ad abituarsi (il divieto vale solo nelle ore diurne, mentre dalle 20 alle 8 è possibile parcheggiare liberamente), chi sta patendo maggiormente, anche a causa delle cattive abitudini di tanti privernati, poco disposti a fare qualche passo con le buste in mano, sono i commercianti.
Palese è arrivata la lamentela del supermercato presente in zona, con le foto sui Social del negozio vuoto lì dove prima del provvedimento, c'erano file di clienti.
La stessa attività paga dazio per una posizione in cui è ubicata, priva di un ampio parcheggio antistante (a dire il vero ce n'è uno a disposizione nel condominio dall'altra parte della strada e un altro di fronte al cimitero, distante una cinquantina di metri).
Il calo di flusso di clientela è stato così netto che i proprietari cominciano a farsi i conti, riflettendo sul fatto di vedere un plusvalore nel rimanere aperti con un simile trend.
Ovviamente una sua chiusura costituirebbe un brutto colpo non solo per i clienti, ma anche per i tanti lavoratori assunti.
Il provvedimento preso, comunque, non è un definitivo, visto che la stessa amministrazione ha dichiarato trattarsi di un esperimento.
Un'altra soluzione potrebbe essere quella del senso unico, ma a quel punto dovrebbe essere rivisto l'intero piano di circolazione dei mezzi pubblici.