Tra 48 ore la massima assise cittadina torna a riunirsi per discutere dodici punti all'ordine del giorno e tra questi ce ne uno che sta facendo discutere da giorni, anzi da mesi.
Si tratta dell'evento "Palio dell'anello", tenuto lo scorso agosto, messo a debito fuori Bilancio da approvare nel prossimo Consiglio comunale. E la polemica tra maggioranza e opposizione è tutta qui. Si perché l'evento in origine doveva essere sostenuto in gran parte dai fondi richiesti alla Regione Lazio, fondi a cui il Comune di Cisterna aveva avuto accesso salvo mai riceverli per colpa di un procedimento mai completato dall'ufficio tecnico di competenza.
Il Palio è costato all'incirca 25mila euro, di cui 5 mila garantiti dall'amministrazione comunale e il restante finanziato con il progetto presentato a Roma sui butteri. Che i fondi non sarebbero mai arrivati in via Zanella era cosa nota fin dallo scorso ottobre, quando è iniziata la polemica tra le parti, sia fuori che dentro il Consiglio comunale. Assessori, consiglieri hanno spesso usato anche i social per dire la loro su questa storia.