Il Comune di Latina non presenta gli atti richiesti dalla Regione Lazio e la Pisana è costretta a riprendersi gli oltre 824mila euro che dovevano essere spesi per la marina del capoluogo, nonostante i tanti solleciti e i tentativi di aiuto nei confronti dell'amministrazione comunale.
L'ufficialità è arrivata ieri, con la pubblicazione dell'ultimo bollettino della Regione Lazio, tra cui c'è la determina con cui la Pisana annuncia l'esclusione del progetto "Metamorfosi" - del Comune di Latina - dagli interventi finanziati dal Piano per lo sviluppo economico del litorale.
Questa storia assume i contorni del paradosso, visto che il Comune non ha soltanto perso un'occasione, ma quasi un "regalo": infatti, il progetto di Latina era stato inserito nel Piano della Regione soltanto perché quello del Comune di Ardea era stato precedentemente escluso, e questo ha permesso di scorrere sulla graduatoria. Il primo progetto appetibile dopo quello di Ardea era proprio "Metamorfosi" del Comune di Latina.
Eppure, l'ente non ha colto la palla al balzo. Il 20 novembre del 2017 la Regione chiedeva al Comune di Latina la trasmissione (entro 120 giorni) della progettazione esecutiva dei lavori, con tanto di pareri, nulla osta, autorizzazioni e dichiarazioni di rito. Il 23 marzo del 2018, il Comune di Latina chiedeva una proroga del termine di presentazione degli atti, perché serviva più tempo per completare la documentazione.