Quest'anno, a Velletri, l'Arciconfraternita della Carità, Orazione e Morte compie i propri 450 anni di vita e, di conseguenza, si è di fronte a un Giubileo per l'istituzione religiosa della città castellana.

Per questo motivo, nelle scorse settimane, con l'approvazione del vescovo di Velletri - monsignor Vincenzo Apicella -, il priore e il segretario dell'Arciconfraternita - rispettivamente Augusto Trivelloni e Alessandro Filippi - avevano chiesto al penitenziere maggiore di Sua Santità, il cardinale Mauro Piacenza, di poter concedere l'indulgenza plenaria - nei modi consentiti dalla Chiesa - a tutti i fedeli che varcheranno la porta della chiesa di Sant'Apollonia dal primo settembre di quest'anno al 6 settembre del 2020, ossia i giorni in cui ricadrà la festa della Madonna della Carità.

Su mandato diretto del Santo Padre Papa Francesco, il penitenziere ha concesso la facoltà di ottenere l'indulgenza plenaria e, di conseguenza, sarà proprio il vescovo diocesano, durante la Santa Messa di sabato 31 agosto 2019, alle ore 18, ad aprire e benedire la Porta Santa e a dare il via all'Anno Giubilare.

A seguire, ci sarà la tradizionale processione con la Sacra Immagine della Madonna della Carità, che quest'anno sarà celebrata per la 181esima volta nella storia locale.