Passo in avanti per il progetto della Casa della Musica, la maxi opera da realizzare presso l'ex Consorzio Agrario. L'annuncio è stato fatto dal maestro Claudio Paradiso venerdì scorso presso il Museo della Terra Pontina durante l'evento "Momenti Musicali" organizzato dalle associazioni PFpresentefuturo, Beethoveen e DMI Dizionario della Musica Italiana. Nell'ambito dell'evento coordinato da Assunta Gneo e Ugo De Angelis la Direttrice ringraziando gli organizzatori ha voluto ricordare quanto in questi anni le associazioni culturali e di volontariato si stiano adoperando per offrire un contributo alla valorizzazione e promozione della storia del nostro territorio. E proprio su questo passaggio il professore Claudio Paradiso del DMI ha annunciato che il progetto della Casa della Musica ha avuta un'accelerazione con la firma di un protocollo di intesa tra l'assessore Ranieri in rappresentanza del Comune di Latina e il Ministro dei Beni Culturali nel quale l'ente si impegna a procedere al bando pubblico per l'affidamento del progetto esecutivo. La Casa della Musica è un ambizioso intervento tirato fuori dal cassetto e rivisitato in continuità tra due amministrazioni. Oggi il dizionario della musica italiana (DMI) è nell'attuale sede all'interno del Consorzio Agrario grazie ad un emendamento presentato da Moscardelli e dal PD e approvato nel primo anno della consiliatura Di Giorgi, nel 2011. Poi tutto si è fermato e con la Giunta Coletta ha ripreso vigore la sua realizzazione grazie a dei finanziamenti concessi dal Mibact. Per questa via dovrebbero arrivare a Latina due milioni di euro compresi nel programma di finanziamenti del Mibact che annovera opere altisonanti e di prestigio in tutta Italia. Il Comune di Latina con l'ufficio Lavori pubblici ha fatto tutti i passaggi tecnici per non farsi trovare impreparato all'appuntamento in attesa di siglare la convenzione che disciplini tempi e modi di attuazione dell'opera. E il momento di questa firma è stato annunciato proprio dal maestro Paradiso. Per la progettazione è stato anche acceso un mutuo che consenta di non finire nel guado di situazioni simili a quelle del passato, dove opere finanziate sulla carta perdevano il treno per mancanza di progetti pronti. Il finanziamento permetterà di restaurare in modo completo e definitivo la struttura affidando i lavori con un bando europeo, sia di continuare tutte le attività di raccolta e catalogazione del dizionario della musica.