Come ogni estate, torna il timore della siccità o comunque della carenza di acqua. Per questo motivo, il sindaco di Fondi, Salvatore De Meo, ha emanato un'ordinanza che vieta l'utilizzo improprio dell'acqua potabile. «Nel corso della stagione estiva, anche a causa del costante aumento del flusso turistico nel territorio comunale, si verifica – così nell'atto – un incremento dei consumi idrici notevolmente superiore alle potenzialità delle sorgenti». Un utilizzo improprio della risorsa «comporterebbe un grave depauperamento degli acquiferi oltre che una non corretta e uniforme distribuzione dell'acqua». Per questo motivo, è arrivata l'ordinanza che impone il divieto di: utilizzare l'acqua per usi diversi da quello stabilito nel contratto di fornitura; utilizzare l'acqua potabile per il riempimento delle piscine; attingere acqua per irrigare orti, giardini, lavare strade, selciati e qualsiasi altro utilizzo non strettamente riconducibile all'uso personale; prelevare acqua da fontane pubbliche per usi non diretti e immediati, per riempire cisterne o botti, per rifornire locali privati mediante l'utilizzo di tubi di gomma. Le multe, in caso di inosservanza delle regole, vanno da 25 a 500 euro a seconda della gravità della violazione.