Dopo aver puntato l'attenzione sull'abbandono del Mercato Arene e dell'area circostante, il consigliere del Partito democratico Valentina Berti ha pronta un'altra interrogazione urgente da presentare nelle prossime ore, con risposta scritta e orale, al presidente del consiglio comunale: il degrado che caratterizza da sempre Piazza Palatina. «La località di Piazza Palatina risulta totalmente dissestata, impraticabile, con tante e grosse buche, depressioni e slivellamenti - spiega Berti che in queste ore sta lavorando alla bozza del documento -. Una situazione di dissesto della strada che rappresenta un grave e permanente pericolo per il traffico veicolare e per i pedoni, considerando che la strada è stretta, con curve, piena di salite e di discese ed intensamente trafficata. Per questo dico che se non si provvederà con carattere d'urgenza ad eseguire i lavori necessari di manutenzione e ripristino, ci sarà sempre il pericolo reale di incidenti e inconvenienti agli abitanti e ai passanti, con tutte le conseguenze che ne potrebbero derivare».
Il punto fondamentale resta quello legato alla riqualificazione di una frazione terracinese che, non va dimenticato, è molto importante a livello storico e culturale visto che comprende un tratto dell'Appia antica e del percorso della Via Francigena, attraversata anche a piedi da turisti italiani e stranieri. «Dalla strada asfaltata fino a Piazza Palatina ci sono circa 400 metri che sono di fatto impercorribili per il dissesto che contraddistingue la stradina con il brecciolino - sottolinea Berti -. Mentre la zona andrebbe tutelata con una illuminazione compatibile con la storia dei luoghi, messa in sicurezza con delle balaustre e con un sistema di videosorveglianza che consenta di evitare, soprattutto nello slargo della piazza, quelle aree senza controllo e per questo diventate discariche a cielo aperto. Senza contare che andrebbe valorizzata con delle panchine e delle indicazioni turistiche».
Berti chiederà dunque per quale motivo «non si è provveduto, e ancora non si provvede, al ripristino del manto stradale con carattere d'urgenza anche per il rispetto dei residenti che pagano le tasse - conclude il consigliere Pd -, e che hanno diritto di vivere in sicurezza, con tutto quello che significa questa parola».