Sabaudia Plastic Free: arrivano i compattatori acquistati grazie ai fondi regionali. Un primo passo per combattere l'abbandono di rifiuti, specie la plastica.

«L'Amministrazione comunale - fanno sapere dall'Ente - prosegue il cammino intrapreso nell'azione di sensibilizzazione della cittadinanza alla tutela dell'ambiente e al potenziamento della raccolta differenziata dei rifiuti. L'iniziativa, finanziata dalla Regione Lazio, prevede che a fronte del conferimento di bottiglie di plastica si accumulino eco punti che danno la possibilità di ricevere gratuitamente una borraccia in alluminio riutilizzabile. 


Occorre recarsi presso gli uffici di via Principe di Piemonte (dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:00 e martedì e giovedì anche dalle 15:00 alle 18:00) dove sono attivi un eco compattatore ed un distributore di borracce. 

Al fine di poter coprire la platea più ampia possibile, ogni persona potrà prelevare una sola borraccia. Il funzionamento è semplice: bisogna inserire, una alla volta, nell'apposito eco-compattatore le bottiglie di bevande in plastica svuotate e conservare il coupon emesso. Ogni bottiglia darà diritto ad un eco-punto, al raggiungimento di 10 eco-punti verrà rilasciato dagli uffici competenti un buono con il quale si potrà ritirare la borraccia in alluminio riutilizzabile.


L'eco-compattatore riduce il volume del rifiuto di venti volte permettendo così la consegna del materiale direttamente alle aziende di riciclaggio evitando sia i passaggi in discarica, per essere separati e compressi, sia quello nei siti di stoccaggio, concorrendo così alla riduzione della produzione di rifiuti in plastica e a riciclare quelli esistenti. 


"Coinvolgere tutti coloro che vivono la nostra città nell'azione di tutela del territorio è il vero significato di questa iniziativa che si aggiunge agli altri progetti che l'Amministrazione ha attivato per spingere quanto più possibile la raccolta differenziata. Semplici gesti come questi concorrono alla riduzione e al riciclo della plastica. Sabaudia con il suo patrimonio ambientale deve diventare, grazie alla collaborazione tra cittadini e Amministrazione, un punto di riferimento per la buona pratica della raccolta differenziata in termini di diminuzione dei rifiuti e di aumento della capacità di raccolta delle quantità valorizzate tramite la filiera del recupero dei materiali da imballaggio", dichiara l'assessore Emanuela Palmisani».