Il governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti il 13 dicembre scorso ha firmato il decreto per l'accorpamento delle Camere di commercio di Frosinone e Latina e l'istituzione di un Ente camerale unico del Basso Lazio. La proposta è la numero 21996 del 10 dicembre scorso. 
A questo punto tutte le organizzazioni imprenditoriali, le organizzazioni sindacali e le associazioni di tutela degli interessi dei consumatori dovranno indicare, entro e non oltre 30 giorni dalla data di notifica del decreto, i nominativi dei componenti del consiglio camerale stesso. L'assemblea della Camera di commercio di Frosinone e Latina sarà composta da 33 membri compreso il presidente.

Questa la suddivisione dei seggi
Questa la suddivisone dei seggi per settori di attività economica. Tre all'agricoltura, tre all'artigianato, sei all'industria, sette al commercio, uno alla cooperazione, due al turismo, due ai trasporti e spedizioni, quattro ai servii alle imprese, uno a credito e assicurazioni, uno ai cosiddetti "altri settori". E poi ancora: un seggio alle associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti, uno alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, uno ai liberi professionisti. Sarà naturalmente complicato districarsi nella fitta rete degli apparentamenti. 

La Camera di commercio del Basso Lazio sarà rappresentativa di oltre 125mila imprese, l'ottava in italia. Un gigante dal patrimonio netto aggregato di oltre venti milioni di euro. La sede legale dell'ente è stata individuata tempo fa a Latina, quella secondaria a Frosinone. Prevista inoltre un'unica azienda speciale.