Torna l'emergenza spazi al liceo Meucci, un'emergenza risolta per il prossimo anno scolastico grazie all'impegno congiunto della dirigenza scolastica e della Provincia che però non elimina e i problemi strutturali di carenze di aule. Anche per l'anno 2020/2021 il numero delle istanze di iscrizioni al primo anno è stato di nuovo superiore alla capienza dell'istituto di via Carroceto: ben 295 sono state le domande presentate. Per questo la dirigente scolastica Laura De Angelis dopo aver studiato la situazione, anche grazie alla Provincia di Latina, recuperando un'aula ulteriori che permetterà di accogliere un'altra classe. "Il geometra Garrisi della Provincia di Latina si è fatto carico di risolvere in breve tempo il problema del riscaldamento dell'aula, questo nuovo spazio -spiega la preside - insieme all'accorpamento di alcuni classe con minor studenti ci permetterà di procedere all'acquisizione di tutte le istanze. Naturalmente non verranno accolte nuove richieste di iscrizione. Noi abbiamo già 75 aule, con altri iscritti rischiamo di andare in tilt".
Allo stato attuale, grazie alla soluzione individuata dal liceo e della Provincia, non c'è il rischio che gli studenti non vengano ammessi al liceo: i termini per le iscrizioni sono già chiusi e i 295 che hanno presentato domande sono già sicuri di entrare;  al massimo potrebbero esserci poche altre richieste di alcuni "ritardatari". Resta però un problema strutturale da risolvere: la popolazione scolastica di Aprilia cresce di anno in anno e due soli istituti superiori, con migliaia di iscritti a testa, non sembrano bastare a soddisfare le esigenze della città. Perciò la De Angelis lancia un appello affinché venga realizzato il terzo polo di istruzione superiore. "Ci auguriamo che a breve ci sia la possibilità di un terzo polo di istruzione superiore, in quanto le soluzioni tampone attuate dalla Dirigenza non risolvono di certo un problema oggettivo che, in ogni caso, propone ogni anno al liceo una difficoltà di accoglienza delle numerosissime istanze e che toglie ai ragazzi della città di Aprilia la possibilità di una scelta diversificata. Attualmente - spiega Laura De Angelis -gli iscritti al Meucci sono circa  1400, tuttavia nel corso del quinquennio registriamo diversi spostamenti di studenti. Questo a nostro avviso succede perché in alcuni casi quella del liceo è una scelta forzata, determinata appunto dalla mancanza di un'offerta adeguata di istituti superiori in città. Se ci fosse un terzo polo, anche per gli studenti e le loro famiglie la scelta potrebbe essere più agevole".