L'Amministrazione comunale rende noto che nella mattinata odierna ha avuto luogo presso il Municipio un incontro tra il Vice Sindaco di Fondi Beniamino Maschietto, gli Assessori alle Attività produttive Giorgia Salemme e al Bilancio Daniela De Bonis e il Presidente della Confcommercio Fondi Enzo Di Lucia per affrontare concretamente le problematiche delle categorie commerciali, artigianali, del turismo derivanti dall'emergenza epidemiologica.

Di Lucia ha rappresentato il timore di tutto il settore di non riuscire a sostenere adeguatamente la ripartenza, perché le conseguenze economiche della crisi saranno pesanti: «E' concreto il rischio che molte attività avranno serie difficoltà a riaprire. C'è grande preoccupazione per la cosiddetta "fase 2" perché moltissimi sono già stremati da mesi di chiusura forzata e sicuramente c'è ancora molta confusione da parte del Governo da cui ci si aspettava maggiore chiarezza e determinazione anche rispetto alle modalità di riapertura delle varie attività che, a nostro avviso, avrebbero dovuto essere più omogenee, pur sempre nel rispetto rigoroso delle misure di prevenzione. A riguardo auspichiamo che l'Amministrazione comunale, per quanto le compete, voglia essere vicina alle attività produttive nella delicata fase della ripresa con misure concrete e immediate che possano essere di aiuto per uscire dal lockdown».

Nel condividere la già annunciata riduzione del 25% della Cosap e il rinvio di alcune scadenze, il Presidente di Confcommercio Fondi ha chiesto di valutarne l'azzeramento per tutti gli esercizi pubblici di somministrazione che occupano suolo pubblico e di consentire agli stessi, ove possibile, l'ampliamento degli spazi al fine di garantire il distanziamento sociale, senza alcun costo aggiuntivo. Inoltre per tutte le attività chiuse a causa dei DPCM, Di Lucia ha altresì chiesto una riduzione della Tari rapportata al periodo di chiusura e di considerare forme di agevolazione per gli stabilimenti balneari e per tutte le imprese turistiche, considerato che la stagione ormai iniziata sarà veramente difficile.

L'Amministrazione comunale ha innanzitutto condiviso la preoccupazione della Confcommercio sull'impatto economico che la crisi avrà su moltissime aziende locali ed è per questo che ha chiesto agli Istituti di credito locali di intervenire con ulteriori strumenti aggiuntivi e più semplificati rispetto a quelli previsti dai Decreti "Cura Italia" e "Liquidità". Nel merito, non si esclude che lo stesso Comune possa intervenire per favorire le imprese a poter accedere al credito necessario per affrontare la ripartenza: «Infatti – ha precisato Maschietto – il Comune sta procedendo ad una verifica puntuale delle proprie disponibilità di bilancio, anche in ragione di alcuni provvedimenti del Governo che dovrebbero liberare risorse da poter utilizzare sia per le proposte di Confcommercio che per ulteriori azioni a supporto soprattutto delle famiglie».

L'incontro è stato aggiornato alla prossima settimana al fine di proseguire il confronto e poter meglio definire il dettaglio degli interventi proposti da Confcommercio Fondi.

Riapre il cimitero
Il Vice Sindaco di Fondi Beniamino Maschietto ha emanato in data odierna un'Ordinanza sindacale con cui si dispone fino al 31 Maggio 2020 la temporanea riapertura del Cimitero comunale – dalle ore 8.00 alle 12.30 – nei giorni di Lunedì, Mercoledì e Venerdì.

Il provvedimento è stato emesso non sussistendo motivi di ostacolo, derivanti da eventuali comportamenti inidonei da parte dei cittadini, i quali nei giorni di precedente apertura hanno ottemperato alle disposizioni prescritte sia relativamente alla distanza interpersonale e all'uso di dispositivi di protezione personali nonché in merito all'ordine e alla disciplina negli accessi.

L'accesso al complesso Cimiteriale sarà consentito per un numero massimo di 40 persone contemporaneamente. L'attesa per poter entrare dovrà essere organizzata in fila con il rispetto della distanza di un metro, l'avvicendamento dovrà avvenire con la sostituzione di una persona uscente con una entrante, sempre nel rispetto delle 40 unità presenti all'interno.

La cittadinanza è sollecitata a rispettare  tutte le regole in vigore, anche relativamente all'utilizzo dei dispositivi personali e al distanziamento sociale, sia all'esterno che all'interno del Complesso cimiteriale. Al Comando di Polizia Locale e alle Forze di Polizia presenti sul territorio è demandato il controllo e la verifica del rispetto della citata Ordinanza.